Jump to content

REPORT raduno primaverile 13-14 aprile - Laghi HappyVaia (BS)

PescaNetwork.it il sito di riferimento sulla Pesca Sportiva. Tutte le informazioni su: Tecniche, Itinerari, Attrezzature, Documenti e News sulla Pesca. - - -

Foto

ricordi di pesca della mia infanzia


  • Please log in to reply
15 risposte a questo topic

#1 cobra

cobra

    Moderatore di Sezione

  • Moderatori
  • 1714 Post:
  • Localitàlago di Garda
  • Tecnica: spinning
  • Provenienza: lago di garda

Postato 14 March 2008 - 20:09 PM

RICORDI DI PESCA DELLA MIA INFANZIA



Da bimbo la pesca era il mio passatempo preferito, per due ragioni, mi affascinava l'idea di catturare il gigante del lago (BISTIù),storie di pescatori che parlavano di bestie enormi ,che scorrazzavano in una vastità di acqua immensa agli occhi di un bambino ,in effetti le bestie enormi esistevano .
Il battellante del paese catturò con una fiocina ,un luccio di 120 centimetri per 25 kg di peso .
Con il fucile subaqueo personalmente presi una tinca di 9 kg,allora non era un problema usare un fucile a molla o un thaithiano ad elastico,anche se avevo si e no 10 anni, i cavedani sui 2 -3 kg all'ordine del giorno,c'erano pesci gatto ,persici ,bottatrici ,barbi ,salmerini ,e tutti di notevoli dimensioni la seconda ragione perchè contribuivo a riempire la dispensa di casa.


Già da piccini si pescavano le BOSE ,O BOTERù ,piccolissimi pescetti che vivono quasi strisciando sul fondo in mezzo ai sassi e ti vengono sui piedi se stai un pò fermo in un posto, hanno delle criniere ,maculate che si muovono ritmicamente ,c'erano nere, marroni, rossicce,o beige, non buone da mangiare ,ma ci divertivamo un mondo a cacciarle ,sicuramente le bose non erano troppo contente visto che il metodo più usato per catturale era piuttosto cruento ,usavamo 4 sistemi diversi per la loro cattura .
-Il primo consisteva ,nel legare un SALTAMARTINO (piccolo esserino che vive sotto i sassi delle spiagge a contatto dell'acqua ,con tante gambette e saltava come la Sara Simeoni alle olimpiadi ),ad un filo di refe da cucito ,ed aspettare che la bosa lo ingoiasse e velocemente recuperare il corto filo e scaraventarla sulla spiaggia .
Si pescava con i piedi in acqua ed un filo di pochi decine di centimetri.
Altro modo- con un fazzoletto ,a mò di rete si doveva cercare la bosa posata su di un sasso piatto o meglio ancora sul muro del pontile per poter far scorrere il fazzoletto strisciando sul fondo come se fosse un guadino.
Il terzo sistema -consisteva nel fare un piccolo cappio ad un filo sottilissimo di rame ,e legata l'altra estremità ad un corto bastone si cercava di far entrare la testa del pescetto nel cappio e quando ciò riusciva si tirava con decisione per farlo serrare.
.l'ultimo il più cruento era quello che praticavamo quando si era un pò più grandicelli, perchè serviva un coltello da cucina, una maschera da sub ad oblò con boccaglio .
Ci si immergeva e con il coltello in mano e si schiacciavano,i piccoli pescetti contro le rocce usando il coltello dalla parte tagliente ,non ci rendavamo conto delle sofferenze dei pei piccoli pescetti ,che poi venivano buttati o mangiati da qualche gatto ,che aspettava sulla riva .


Altro modo di pescare era con l'arco,un arco un pò speciale , fatto con dalle bacchette di un ombrello rotto ,legate con un filo di ferro leggero ,per corda un filo di nylon,detta anche BAVA del 0,30-0,40-e la freccia sempre ottenuta da una bacchetta d'ombrello ,che lavorata dai nostri,fratelli maggiori o dai papà , facevano sia l'ardiglione mobile ,ed una robusta cocca per la corda ,poi con l'inseparabile maschera ad oblò ,e le pinne ,chi le aveva ,ci si immergeva alla ricerca di cavedani ,nascosti nelle cavità delle rocce ,che senza vie di fuga era facile colpire il malcapitato pesce ,alcune volte i più bravi riuscivano a colpire al volo i cavedani anche di taglia ,ma purtroppo la perdita della freccia era quasi sempre inevitabile ,infatti se il pesce era di taglia se la portava via, giù nel profondo blù.
Una versione del fucile subaqueo haithiano l'avevamo anche noi ,con un pezzo di legno pesante ,di circa un metro di lunghezza alla cui estremità veniva fissato un elastico di cameradaria di bicicletta ,formato di tanti anelli annodati fra loro con in fondo un pezzo di cuoio sul punto in cui si sarebbe inccoccata la freccia ,si inccocava l'asta all'elastico e veniva tesa con una mano mentre l'altra teneva il legno e rilasciata al momento del tiro ,molto efficace .
Altro sistema con l'elastico era con l'immancabile fionda, artefice di tanti disastri ,al posto del sasso la freccia di metallo ;il risultato era appena inferiore al precedente perchè ci si poteva avvicinare di meno al bersaglio.



Eravamo un pò tutti bracconieri , allora le leggi si c'erano ma non erano rispettate ,le stesse guardie erano messe in dubbio ,c 'era un tornaconto per tutto ,o sotto forma di cibo o di soldi ,le anguille ,i lucci ,venivano regolarmente venduti ai ristoranti .
Pratica ancora attiva nella zona ,fino a poco tempo fà un amico che era senza lavoro, campava vendendo il pesce pescato a dei ristoranti della zona ,partiva al mattino con la barca chiesta in prestito ad un amico ,ed in qualche maniera tornava carico di pesce ,il dubbio era che lo sottraesse alle reti dei pescatori di mestiere,o forse era solo un "manico" della pesca,fatto stà che a vissuto cosi per mesi, finchè un giorno ha trovato lavoro.


A protezione dei porti c'erano e ci sono delle massiciate per arrestare la forza del lago in burrasca ,è costituita da massi enormi ,irregolari dove le anguille la fanno da padrone ,in cerca di cibo ,infatti i pesci si rifugiano dentro gli anfratti ,per proteggersi dai predatori ,ma a loro volta si mettono all'angolo da soli ,basta che un anguilla gli sbarri l'unico passaggio per la libertà ,e zac per il pesce è finita,noi lo sapevamo ,e calavamo da sopra i massi delle lenze,a mano di bava del diametro 0,50 ,con innescato ad un amo del 4-6- storto un verme di terra ,un pescetto ,o del budellino di pollo,legavamo la lenza ad una roccia e la mattina dopo se si era fortunati c'erano delle anguille da paura allamate.
Stessa technika ,con un filo di bava più piccolo dello 0,30,il terminale portava uno o più ami,a volte erano ancorine a tre punte , con oliva da 30-40 a far da peso ,si innescava con,farine impastate, formaggio ,budello, fegato,fichi, ciliege, uva ,pesci morti , tutto quel che poteva far da esca andava bene ,di notte si lanciava e si legava ad una bitta ,o ad un anello ferma barca ,il mattino dopo il pranzo era quasi sempre assicurato ,anche allora causa la fame c'era il furbo che si alzava prestissimo per controllare le lenze altrui ,toglieva i pesce e le rilanciava ,di solito non era uno del paese, ma qualche vagabondo ,o di un altro villaggio vicino ,che in alcune occasioni a avuto ciò che si meritava ,una scarica di legnate .



A proposito di legnate ;ne presi una buona dose ,quando senza pormi tante domande con un mio amichetto, 9 anni io lui un paio di più ,andammo a "rubare" (IN PRESTITO )una rete per le alborelle detta SPIGUNSA e delle cassette per riporre le aole a dei pescatori di mestiere , una rete a sacche ,che si stendeva a semicerchio sulle rive mentre le alborelle fregavano , si scendeva in acqua fino alla testa con la rete a spalla e piano piano per non spaventere le aole che fregavano tranquille ,si andava a chiuderle in una sorta di semicerchio, la rete faceva una vera barriera , ed una volta chiuso si spaventavano facendo un gran baccano,saltando e ballando dentro l'acqua o buttando sassi ,o picchiando con un bastone .
Il piano era di prendere in prestito la rete ,catturare le aole ,riporre la rete dopo previa pulitura ,ed asciugatura .
Tanto dove la prendiamo ce ne sono molte ,non useranno di certo proprio questa ,ci dicemmo in gran segreto.
Tutto filò per il verso giusto ,catturammo il pesce ,riponemmo la rete ,e tutti felici per la riuscita dell'impresa , pensammo di andare a vendere le aole al mercatino del pesce , il proprietario della rete aveva anche una bancarella sotto i portici del palazzo comunale ,che era punto di commercio per varie mercanzie visto che era l'unico edificio molto spazioso e coperto (anzi non pensammo proprio )che grosso errore, due BOCIA ,con una quintalata di aole ,il pescatore riconobbe subito le cassette e mangiò subito la foglia ,la radice ed anche la pianta ,alle domande incalzanti dell'uomo che alzando la voce fece accorrere mezzo paese,confessammo il fatto .
Quante botte,prima dal PESCAUR -----PESAE END'EL CUL -----,( pedate nel di dietro) dopo dal papà ,poi dalla mamma ,ed infine dal fratello maggiore ,inutile dire che il pescato restò al pescatore .




.In genere nei porti costruiti nel secolo scorso era pratica comune costruire dei cordoli appena sotto il livello dell'acqua ,un piccolo marciapiede di 30 centimetri o poco più che forse era il marcapiano del pontile ,un cordolo in pratica .
Su questo cordolo in alcuni periodi estivi si adagiavano le bottatrici, non so spiegarmi il perchè ma se ne stavano immobili e flemmatiche come è loro natura ,per noi ragazzi erano facile preda ,in fatti bastava un guadino BARTABEL ce n'era sempre uno fissato in un anello porta palo che serviva per stendere le reti dei pescatori ad asciugare ,dove poi venivano aggiustate e pulite dalle alghe ,il bartabel serviva per pulire il porto dalle alghe dopo una burrasca ,o per raccogliere la schifezza che già allora cominciava a vedersi nei porti, cartacce e quant'altro potesse galleggiare tipo le bottigle di plastica ,che venivano recuperate e riciclate per farne delle palette che sarebbero servte per svuotare l'acqua dal fondo delle barche ,con un gesto ritmico di giù su e butta fuori,chiamata BESSOLA .



A quel tempo era facile specialmente di inverno vedere delle barche in secca sui pontili ,con un pescatore o un maestro d'ascia ,seduto accanto alla barca con mazzetta e stoppa calatafava l'imbarcazione poi con il catrame la impermeabilizzava , allora tutte le barche dei pescatori di mestiere erano nere .
Alcune barche erano colmate d'acqua e lasciate affondare perchè dicevano i pescatori che cosi si (stagnava ) non ho mai approffondito la cosa ,ma penso che lo facessero per far dilatare il legno, prima bagnandolo e poi facendolo seccare, il legno si sarebbe così stabilizzato e si sarebbero viste tutte le crepe e le falle che sarebbero state poi riempite di stoppa e catramate.
Queste barche affondate nel porto a sua volta facevano da contenitore a delle fascine di rami di salice STROPEI che sarebbero serviti per la legatura delle viti (un buon pescatore era di solito un buon giardiniere o agricoltore così nel tempo che si aspettava di recuperar le reti 2 -3 giorni ci si dedicava agli orti e campi o ai limoni, dalle nostre parti ci sono limonaie famose in tutto il mondo ,nell 800 la ditta tedesca bayer comperava i limoni sul garda) cosi facendo la barca si stagnava e i rami si mantenevano morbidi fino al loro uso .
Il salice è una pianta che ama molto l'acqua ,e in ogni dove sulle spiagge c'erano piante con le fronde che toccavano l'acqua ,e noi bimbi le utilizzavamo come corde per dondolarsi e tuffarci poi a (bomba )nelle acque del lago ,ci sentivamo un pò tutti tarzan.queste barche piene di acqua servivano anche(a volte) per tenere in viva il pescato.



Nelle giornate di vento con un semplice filo di bava ed un piccolo amo ,senza canna ,lasciavamo che il vento portasse lontano l'amo innescato con una farfallina o una vespa ,una mosca ,una sorta di pesca a galla ma con esche vive ,che ricorda un pò la pesca a mosca .
Altro sistema a galla ,si catturava un vairone e si innescava con due ancorine ,cercando di lasciarlo vivo ,a monte di 60 ,100 ,centimetri si poneva del polistirolo trovato quà e là di alcune cassette rotte che erano servite per lo stoccaggio dei pesci ai pescatori con le reti,si lanciava e si aspettava la Regina del lago ,la trota lacustre ,o il salmerino.
Era sempre una emozione grandissima assistere alla sua abboccata ,in un ribollire di schiuma ,e salti fuor d'acqua .




Nei mesi estivi quando il cavedano era in frega per la deposizione delle uova ,restauravamo il CERCOL un cerchio di botte con una rete a sacche abbandonata dai pescatori perchè proprio non più utilizzabile ,non si buttava mai via niente ,una cosa per essere buttata doveva essere logora,e marcia e irrimediabilmente rotta.
Con questo cerchio ci si nascondeva per quel che si poteva dietro un albero una roccia o semplicemante ci si accovacciava sulla spiaggia con il cerchio in posizione di lancio ,mentre uno di noi sfregava una grossa pietra sui ciotoli della spiaggia imitando la CAVASINA il cavedano femmina con i suoi MAGNERù i piccoli maschi e grandi maschi che poi spargeranno il loro latte(sperma ) sulle uova che la cavasina depositerà sotto la sabbia ,lo sfregamento della pietra sulla ghiaia stimola il cavadano femmina in un andirivieni frenetico ,con il dorso fuori dall'acqua tanto si avvicina alla riva, finchè in preda alla frenesia del momento in un ribollire di schiuma deposita le uova ed i maschi fanno a gara per innondarle di latte ,proprio in quel preciso istante chi ha il cerchio lo scaglia con precisione sulla massa di cavedani che come forsennati sono intenti a inseminare le uova ,il cerchio parte, la rete si apre come un sacco, il peso del cerchio fa si che non ci sia via di fuga ,la rete si riempie , si trascina a riva ,fino a girare il cerchio come un grosso guadino ,decine e decine di kilogrammi di pesce in un colpo solo .
Sia chiaro questa technica era vietata allora come adesso ma la fame era fame ,e come ho detto all'inizio della storia le autorità chiudevano un occhio ,forse tutti e due.


La stessa technika era usata anche con una rete circolare detta SPARAVERT;forse per il colore verde della rete , non ricordo bene ,intorno alla rete circolare c'erano dei piombi che facilitavano il lancio e tenevano la rete a sacche sul fondo dopo il lancio ,questa rete si metteva sulla spalla ripiegata più volte ,con la massa dei pesi nella mano del lanciatore ,fatto sta che al lancio la rete si apriva a cerchio e cadeva pesantemente sui pesci,imprigionandoli senza scampo ,poi bastava recuperarla pian piano ,facendola strisciare sul fondo ,le sacche avrebbero fatto il resto.




Usavano molti metodi pur di pescare ,chi con la dinamite recuperata dalle cave di marmo della zona ,molto pericolosa ma spettacolare ,qualcuno ci a lasciato lo zampino,e con la corrente elettrica procurata da una batteria d'auto ,sistema molto semplice che intontiva i pesci e con il guadino,a cui era collegato il filo elettrico si recuperavano senza sforzo ,bastava avere una barca ed il gioco era fatto ,anche questo era proibito .e credo lo sia ancora .NON HO MAI PRATICATO QUESTI METODI .





LA PESCA AL LANCIO



Si andava a pescare con canne da lancio in fibra di vetro,in due pezzi ,con innesto a baionetta d' ottone, erano di tanti colori,verdi, rosse, gialle, bianche e azzurre,faceva molto schic usare canne bianche ,o color della fibra di vetro ,un giallino pallido ,pallido , quando vedevi uno che pescava con tale canna sapevi che era un patito del lancio ( allora si chiamava pesca al lancio, ora la chiamiamo spinning )la pesca con el PES FINT(rapalà)allora erano tutti rapalà tanto che ancora oggi tanti vecchietti x far capire loro che pesca fai devi dire; con el rapalà ,il rapalà;il vero quello originale allora era tanto resistente che si diceva non si sarebbe rotto neanche sotto lo schiacciasassi degli asfaltatori, a quel tempo si cominciavano a vedere gli asfaltatori d'estate perchè le strade secondarie fino ad allora erano polverose e sterrate,solo la provinciale era asfaltata da molti anni e una cosa ci impressionava, lo schiacciassi usato x comprimere l'asfalto rovente .


E così possedere un rapalà, che costava un piccolo capitale ,veniva tenuto come se fosse d'oro , se si incagliava in estate un bel tuffo e si portava a casa subito ,se era inverno si aspettava l'estate, sicuri di ritrovarlo, resistente come era ; non si doveva far parola con nessuno del posto in cui si era perso , perchè c'erano i pescatori di frodo alle anguille ,che si immergevano di notte con la (pila) e fucile subaqueo a molla , per loro ritrovare un rapalà era fonte di guadagno ,se sapevi a chi rivolgerti ti recuperavano il pess fint gratuitamnete .



I pescatori che praticavano la pesca al lancio solo saltuariamente usavano di solito canne da cavedano ,lunghe quattro, cinque metri , telescopiche,facevano dei lanci lunghissimi .
Noi con le nostre cannettine di circa due metri , riuscivamo si e no ad arrivare alla metà dei loro lanci ,ma erano più pratiche e si potevano usare in ogni ambiente anche ostile ,in anfratti o in mezzo alla vegetazione ,o in fondo a vicoli strettissimi che davano direttamente sul lago ,insomma, si poteva andare in giro con la canna montata ,anche in bicicletta (altra cosa preziosa )e sempre armata ,pronta x il lancio sulle bollate,che nella calda stagione potevano riservare delle sorprese, dal cavedano alla trota di lago ,o al salmerino con la sua bella livrea,di dorso azzurra e i fianchi rosati.
Queste canne lunghe le usavamo solo con i mitici filibustieri per pescare i cavedani a galla che stazionavano al largo.


Il filo di nylon era quasi sempre il mitico platil strong dal diamerto 20 al 30 ,con una memoria da far invidia ad un elefante, in effetti non si stendeva mai ma sembrava una interminabile molla ,se si faceva una perruccha aimè erano dolori ,sembrava una corda tanto era rigido ,ne conservo ancora una bobina e mia figlia lo usa x far collanine come conservo ancora delle bobine di filo di rame sottilissimo x alcune tecniche di pesca ,prima dell'avvento del nylon.



Per chi non possedeva il mitico rapalà ,che costava molto ,si andava alla vecchia ,si battevano con il martello alcune strisce di piombo che gli idraulici usavano per i lavandini o gli scarichi dei bagni ,a volte si facevano carte false x poterne avere un pezzo ,perchè a quel tempo tutto si poteva monetizzare .
Noi piccoli andavamo x stracci, ferro, allumunio una cosa rara e costosissima ,piombo ,cartone ,che poi vendavamo x poche lire alla MARIA DELE STRASE Maria degli stracci ,cosi chiamavano la signora che raccoglieva il materiale che poi rivendeva ad un rigattiere con un camion rosso, che si portava via tutto di quando in quando .
La signora con un carrettino trasportava tutte queste masserizie dal suo fondaco situato in alto nel villaggio ,fin giù sulla piazza principale passando da un piccolo vicolo,strettissimo con dei passaggi a volta comunicanti tra,le case ,con i ciotoli come pavimentazione e gli scoli dell 'acqua ai bordi ,in quel mentre si poteva accaparrarsi qualche pezzo di piombo o quantaltro potesse servirci per costruire artificiali, quando la signora faceva ritorno alla casa per un nuovo carico .
Altrimenti si poteva trovare ai piedi di ringhiere o manufatti in ferro che un tempo venivano fissati non con il cemento e la calce,o con i fischer come si usa adesso, ma con il piombo colato a caldo nella cavità,( era il metodo usato al tempo dei Romani) il piombo si tagliuzzava via i piccole scagliette e si faceva sciogliere dentro un pentolino di fortuna ricavato da qualche scatoletta di sardine trovata nel campo dove gli spazzini(ora si fanno chiamare operatori ecologici) radunavano le immondizzie ,si colava su una pietra ,e si batteva con un martello,o una pietra fino a farne una piattina, si grattava sui muri in malta fina per dagli la forma ,due buchi fatti con un vecchio chiodo ai lati per l'ancoretta ,gli anellini ricavati da piccole molle,o filli di rame elettrico.

A volte nel campo gli spazzini(discarica) bruciavano la plastica che ricopriva i vecchi fili elettrici per ricavarne solo il rame ,che sarebbe poi stato venduto ,sempre alla Maria "dele strase",se si era fortunati se ne poteva raccogliere un pò ,chi lo intrecciava per farne degli anellini per le morosine ,chi come me lo usava per fare l'armatura passante ai pes fint ,o i CUCIARI (cucchiaini )gli spinner, diremmo ora ,prendendo dei pezzi di lattina dalle scatolette di tonno si costruiva la (farfalla )o paletta chi poteva usava dei veri cucchiaini da caffè ,chi ci costruiva un ondulante chi uno spinner,(rotante) tipo martin ,ad ogni modo ci si faceva l'artificiale .


Il legno usato per i primi pes fint ,fu la corteccia di pino marittimo ,che usavamo da sempre per fare le barchette, la vela altro non era che una piuma di gabbianao ,come timone e chiglia un pezzetto di lamiera arrugginita trovata sulla spiaggia ,poi la fortuna fece si che uno del paese ,appassionato di modellismo mi diede della balsa ,molto costosa ,ma con grande intuito capii che andava bene anche il legno dei contenitori della frutta; i tronchetti triangolari posti ai lati che reggono la struttura della cassetta stessa, come peso inserito ,chiodi ,olivette di piombo vecchie ,scarti di brasature fatte dagli stagnini ,me le procurava il figlio dello stagnino ,se lo sapeva il padre povero lui (non si scartava niente )le palette erano di latta ,per i colori quel che si trovava .
Il padre di un amico molto ricco dipingeva quadri ad olio ed ogni tanto ,si riusciva a prendere in" prestito" qualche tubetto di colore .
Erano pesciolini che duravano poco visto i materiali usati ,ma servivano allo scopo : LA PESCA AL LANCIO.
5-5-59
costruttore di pesci finti per la pesca a lancio

vale piu la pratica che la grammatica <*)^,^,^,^,-(

#2 Gabbo89

Gabbo89

    Utente registrato

  • Utenti registrati
  • PipPipPipPipPip
  • 710 Post:
  • LocalitàLeinì (Torino)

Postato 14 March 2008 - 22:14 PM

bellissimo racconto :)
18 anni buttati :D Pescatore Ok...W la pesca al colpo :)
Posted ImagePosted Image

#3 nenofisherman

nenofisherman

    Utente registrato

  • Gold Member
  • 4292 Post:
  • LocalitàBedizzole (BS)
  • Tecnica: pesca al colpo
  • Provenienza: Bedizzole BS

Postato 15 March 2008 - 01:46 AM

woh Cobra che belle parole!!!!!complimenti!!!! :wink:
Nazzareno 23/12/86 24anni

#4 Giordaloco

Giordaloco

    Pescatore qualunquista

  • Utenti registrati
  • PipPipPipPipPip
  • 17204 Post:
  • LocalitàLUINO Lago Maggiore

Postato 15 March 2008 - 04:53 AM

Cobra , sei unico :wink: :up: Tu queste cose le hai vissute come modo di vita , io le ho vissute tali e quali ma solo nei fine settimana e nei mesi estivi alla chiusura scuole, ma certi ricordi ti rimangono dentro , e , visti e vissuti con la memoria e l'ottica di un giovane non erano male anche se la vita a quei tempi per molti era difficile :wink:

Ancora a desso mi viene più facile dire : "Vado a Rapalare" che a spinneggiare o a far due lanci , grazie di avermi fatto ricordare :D
PESCATORE QUALUNQUISTA
Posted Image <!-- m -->http://giordalocopes....forumfree.net/<!-- m -->
27-06-1944

#5 ziofester

ziofester

    ZioFester

  • Gold Member
  • 7133 Post:
  • LocalitàTRENTO
  • Tecnica: spinning
  • Provenienza: TRENTO

Postato 15 March 2008 - 07:16 AM

grazie per aver condiviso con noi un po' dei tuoi ricordi Cobra!
l'amore per la pesca da solo buoni frutti - spinning is not a crime!
dall'altra parte della lenza...da 30 anni - W l'alloctona
vorrei saper fare lanci delicati come JFishoski

#6 Lanciatore

Lanciatore

    Utente registrato

  • Utenti registrati
  • PipPipPipPipPip
  • 120 Post:
  • LocalitàVigevano PV
  • Tecnica: trota lago
  • Provenienza: Vigevano PV

Postato 15 March 2008 - 09:50 AM

spettacolo
Facile è parlare, difficile è stare zitti!

20-09-1983... ORA SONO 27...

#7 gabribabi

gabribabi

    Gold Member

  • Gold Member
  • 11964 Post:
  • LocalitàVERONA
  • Tecnica: passata
  • Provenienza: verona

Postato 15 March 2008 - 16:41 PM

:) grande cobra, bel racconto, e quanta fantasia si usava da bambini, un fil di ferro un pezzo di qualsiasi cosa e si giocava, inventava............ :| ora i bambini sono senza fantasia, vogliono tutto e subito e lo ottengono in fretta ............ e poi se stufano e ricominciano a chiedere :( :( :( :( :( ........ per questo che ritengo una fortuna che i bambini inizino a pescare, almeno prendono passione per uno sport sano e divertente inoltre imparano a rispettare la natura ecc ecc :wink:

#8 Carletto

Carletto

    Utente registrato

  • Gold Member
  • 1756 Post:
  • LocalitàVerona /=\
  • Tecnica: Spinning
  • Provenienza: Verona

Postato 15 March 2008 - 17:44 PM

Veramente un bellissimo racconto :) ,che sa di tempi andati ma affascinanti :2thumbs:
Molestatore di avannotti.
12/06/90

#9 olfolo

olfolo

    Utente registrato

  • Utenti registrati
  • PipPipPipPipPip
  • 631 Post:
  • LocalitàBussolengo Verona
  • Tecnica: MOSCHERA
  • Provenienza: bussolengo - verona

Postato 17 March 2008 - 15:08 PM

CHE DIRE :o
il tuo più accreditato ammiratore per la prima volta è senza parole :wink:
mi esprimo a faccine
:x :( :o :lol: :)

#10 DocG

DocG

    Utente registrato

  • Utenti registrati
  • PipPipPipPipPip
  • 366 Post:
  • LocalitàMilano
  • Tecnica: Roubasienne
  • Provenienza: Milano

Postato 17 March 2008 - 17:38 PM

Cobra sei troppo "vissuto e vero" per esistere sul serio...alla pizzata hai mandato un tuo sostituto! sei un essere mitologico :D

Complimenti!
Posted Image
Se DocG ti colpisce ti uccide...se ti manca il vento dietro al pugno ti fà prendere la polmonite e dunque moriresti lo stesso!

Rogoredo 84' S.P.S. - Team Milo
13/10/1977

#11 Piesse

Piesse

    Membro Dorato

  • Gold Member
  • 4996 Post:
  • LocalitàSalerno
  • Tecnica: Bolo - Spinning
  • Provenienza: Hippocratica Civitas

Postato 19 March 2008 - 15:41 PM

...mi piace molto leggere in generale, ma stavolta devo dire...mi è piaciuto leggerti, ho colto nel tuo racconto un leggero velo di tristezza per le difficoltà vissute in quegli anni mascherato è lenito però da un forte senso di malinconia nel ricordare i tempi trascorsi dove la spensieratezza e la libertà che solo un ragazzino può avere la facevano da padrone. Grazie per averci ricordato i "mezzucci" e le "marachelle" che ognuno di noi da piccolo ha usato e fatto. Hai descritto uno scorcio della ns. storia contemporanea che se ci pensi a distanza di circa 40 anni ci fa capire che il ns. bel paese non è cambiato ma si è stravolto. Ricordo anch'io la pesca al lancio, le canne di vari colori e ancora adesso quando vado nel negozio di pesca mi viene voglia di chiedere del mitico "platil strong".
p.s.: ...dal tuo racconto ho capito anche un'altra cosa che veramente non c'è differenza tra i discoli del nord e quelli del sud... ciao "scugnizzo del lago di garda" :wink: :wink: :wink:
Mr.utopia luccius dundee! Linuz è rimasto al "bbuio"!!!
...lega per l'abolizione del 3 luglio!
...causa inutilizzo vendo cervello,con leggero accento torinese,usato una sola volta per sognare un luccio,no perditempo!
Posted Image

#12 Crepuscolo

Crepuscolo

    Utente registrato

  • Utenti registrati
  • PipPipPipPipPip
  • 1492 Post:
  • Localitàosio sotto..in quel di bergamatrix
  • Provenienza: bergamo

Postato 19 March 2008 - 20:48 PM

ho letto solo oggi questo tuo racconto di vita passata,e già con il primo che avevi fatto ero rimasto pensieroso,un misto tra "c'era una volta new york" e "nuovo cinema paradiso"...non so perchè ma mi sono venuti in mente questi due film :?
a volte invidio le persone che hanno potuto vivere in una certa maniera la loro infanzia,certo c'era fame e carestia e farla da padrona ma il rapporto con le persone,il senso di comunità e di socializzazione tra le famiglie per i tempi che vivono oggi i bambini è solo e semplicemente utopia;
io sono del 1980,non sono nato sulle rive del lago ma già posso notare il diverso modo di divertirsi che avevamo noi con quello che hanno queste nuove generazioni,uscivamo da casa con il solo obbligo di tornare per il tramonto e se tornavamo in ritardo erano schiaffoni che volavano a destra e manca,ora se tocchi con un dito un bambino ti becchi una denuncia,noi bambini giocavamo tutti insieme e se qualcuno era antipatico veniva cacciato,ma i genitori non mandavano il bambino dallo psicoterapeuta o balle simili,uscivamo da casa e chi s'era visto s'era visto non c'erano i cellulari che ora hanno anche i pischelli di 8/9 anni,e mangiavamo di tutto,dal pane alla pasta,dal burro e marmellata sul pane al burro e zucchero,al tuorlo d'uovo sbattuto con lo zucchero,ora no,ora un sacco di bambini sono celiaci o soffrono di disturbi alimentari,e le mamme danno loro le merendine dietetiche,le vitamine,poi portano il figlio a fare la festa da mc'donalds....mah,chissà dove andremo a finire....comunque cobra,ancora grande,e complimenti!
4 ottobre 1980
-23 aprile 2009,la nuova festa della liberazione!!!!

"sono le condizioni peggiori a rendere le cose straordinarie"

#13 trotaman

trotaman

    Utente registrato

  • Utenti registrati
  • PipPipPipPipPip
  • 250 Post:
  • Localitàcampagnano rm

Postato 19 March 2008 - 20:52 PM

bellissimo... anche un po di tempo fa avevi scritto una cosa simile in questo forum... e anche quellla volta sono rimasto colpito dalle tue parole come ora
valerio Posted Image

ABCDEFGHILMNOPQRSTUVZ...UTILE...

#14 Repele Dimitri

Repele Dimitri

    Repele Dimitri

  • Gold Member
  • 29182 Post:
  • LocalitàNuvolera (BS)
  • Tecnica: Mosca & c
  • Provenienza: Nuvolera (BS)

Postato 19 March 2008 - 20:55 PM

Grande Gnaro del lac'' :D
Gli Amici Della Topa
http://dimibsfishing....wordpress.com/


La classe non è acqua ma prosecco! [cit.Repele Dimitri ]

#15 walter

walter

    volatile da cortile

  • Moderatori I
  • 26479 Post:
  • Localitàeste, bassa padovana
  • Tecnica: portachiav-fishing
  • Provenienza: este, bassa padovana
  • Anno di nascita:1984

Postato 20 March 2008 - 00:31 AM

:respekt:
" alt=" alt=


keep fightin' | if you can't follow me maybe you're not crazy enough... | devastazione, delirio, inutilita' e allegro sbarellamento :crazy:



 

лохі мы змаглі трапіць у ваш паршывы вэб -сайт з дапамогай дабрадушны вэб - качка

#16 Paolo Chiaudani

Paolo Chiaudani

    Utente registrato

  • Utenti registrati
  • PipPipPipPipPip
  • 6 Post:
  • Tecnica: Pescasub
  • Provenienza: Alessandria

Postato 23 October 2018 - 14:14 PM

Splendido racconto
Un mondo completamente scomparso?


0 utenti stanno leggendo questo topic

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi