Jump to content

Info utili su ripresa pesca dal 4 maggio 2020

PescaNetwork.it il sito di riferimento sulla Pesca Sportiva. Tutte le informazioni su: Tecniche, Itinerari, Attrezzature, Documenti e News sulla Pesca. - - -

Foto

Come salpare e fotografare il Luccio ,il Bass ,il Temolo la trota


  • Please log in to reply
20 risposte a questo topic

#1 Repele Dimitri

Repele Dimitri

    Repele Dimitri

  • Gold Member
  • 29182 Post:
  • LocalitàNuvolera (BS)
  • Tecnica: Mosca & c
  • Provenienza: Nuvolera (BS)

Postato 22 November 2011 - 12:56 PM

Pubblico con piacere questo prezioso contributo di Federico Ielli (doveva essere inserito in un unico articolo ma superando il numero consentito di foto era impossibile e ho preferito spezzarlo in due in modo che tutte le immagini siano direttamente visibili senza ricorrere a link per avere una visione diretta degli esempi di prese da attuare con questi due pesci).
Spero che sia un'occasione per sensibilizzare i meno esperti sul "come" trattare le nostre catture in vista di una foto ricordo o anche semplicemente per sapere gli accorgimenti da adottare per un efficace pratica del rilascio del pesce catturato, ma che allo stesso anche i pescatori "veterani" apprezzino questo scritto e le sue finalità.

Grazie Federico!
Buona lettura


FOTO E PRESE PARTICOLARI


PRESA OPERCOLARE

Evidentemente si chiama così perchè va ad incidere sull'opercolo branchiale ed è una tecnica di salpaggio particolarmente idonea per il luccio. Naturalmente occorrono perizia e decisione, altrimenti è consigliabile l'utilizzo di un buon guadino a bocca larga, evitando se posibile, il boga grip e, assolutamente, il raffio. Le immagini di corredo spero che siano esplicative in merito.

Allora, una volta stancato il luccio, va appoggiato alla riva in acque basse (se si è alti sull'acqua non si può adottare la presa opercolare) con la testa fuor d'acqua. Il pesce deve essere fermo.
Con la mano sinistra, tenendo ben in tensione la lenza con la canna impugnata con la destra, bisogna infilare con decisione (e precisione)una o due dita (indice e medio) al di sotto della branchia (come da foto), facendo ben attenzione a non collidere con le branchiospine del pesce, assai taglienti. L'importante è agire con decisione, ma soprattutto col luccio ben fermo. Ripeto, le dita vanno infilate in basso, a livello dell'istmo opercolare, dove i due opercoli si uniscono, e fatte avanzare il più possibile (Foto 1 e 2).

Foto 1)



Foto 2)



A questo punto il luccio è bloccato e non si muove. Si può estrarre dall'acqua (sarebbe comunque meglio farlo scivolare) con decisione (Foto 3)

Foto 3)


Il tutto deve essere effettuato con rapidità, evitando di trattenere il pesce in verticale per non danneggiarne le vertebre, ma sostentandolo con la seconda mano (dopo slamtura) a livello ventrale, per l'eventuale foto ricordo prima del rilascio (Foto 4).

Foto 4)



ATTENZIONE ALLE DITA

E' inevitabile che qualche volta le dita interferiscano con le branchiospine procurandoci alcuni tagli. L'importante è non cercare di tirare (così facendo si causerebbero ulteriori dolorose ferite alle dita e lesioni al pesce), ma spingere all'incontrario con dolcezza, estraendole poi con calma. Più semplice a farsi che a dirsi :rolleyes: Una soluzione alternativa potrebbe essere quella di utilizzare un guanto da operaio, da indossare all'occorrenza. Ci si mette al riparo da eventuali lesioni, anche da ami ed ancorette, ma si ritarda il tempo di salpaggio e, di conseguenza, si aumenta il rischio di perdita del pesce.


BOGA o NON BOGA?

Perchè no al boga grip? Il boga grip, di per sè, non è strumento dannoso.
Il danno deriva da un errato utilizzo dello stesso.
Il boga è stato ideato per facilitare le operazioni di salpaggio delle prede di una certa dimensione/pericolosità (luccio), ma non per tenerle appese in verticale.
Quest'ultima azione diventa assai deleteria tanto più grande è la preda e può causare serie lesioni cervicali al pesce ma, soprattutto, all'apparato orale, con profonde ferite lacero contuse ai mascellari, che possono non rimarginarsi o cicatrizzarsi male, creando delle mostruosità, come nel caso del luccio qui sotto raffigurato, salpato con la classica "opercolare"



Federico Ielli

 

 

EDIT by linuz: aggiungo un video molto interessante riguardo la slamatura del luccio:

 


-----------------------------------------------------------------------------------



LA PRESA DEL BLACK BASS


Dopo aver parato due o tre loop e forzato il "nostro" sotto riva, quando è lì bello buono, che sembra non voler più saltare, si afferra (con la mano sinistra o con la destra non ha importanza, basta tenere la canna alta e il filo in tensione) il bass in questo modo

Foto 1)



trattenendolo per la mascella inf. tra pollice e resto della mano

Foto 2)


A questo punto si può sollevare

Foto 3)



Avendo però cura di non trattenerlo in quella posizione per troppo tempo ed evitando assolutamente di fargli assumere pericolose angolazioni del capo.
Per la foto meglio stabilizzarlo così

Foto 4)



Per il rilascio valgono le solite regole.
Il pesce non si butta, ma si appoggia in acqua trattenedolo per la coda e sostenedolo per un'eventuale ossigenazione e poi via

Foto 5)



Federico Ielli


Gli Amici Della Topa
http://dimibsfishing....wordpress.com/


La classe non è acqua ma prosecco! [cit.Repele Dimitri ]

#2 Repele Dimitri

Repele Dimitri

    Repele Dimitri

  • Gold Member
  • 29182 Post:
  • LocalitàNuvolera (BS)
  • Tecnica: Mosca & c
  • Provenienza: Nuvolera (BS)

Postato 22 November 2011 - 12:57 PM

CLICK AND RELEASE


Alcuni consigli per fare foto ai pesci che si vogliono rilasciare


Posted Image

----------------------------------------------------------------------------------------------------------
Fare foto alle nostre catture è un piacere, inutile negarlo.

Con questo testo vogliamo fornire qualche indicazione che può essere utile in modo da coniugare il piacere di avere un'immagine "ben fatta" che renda omaggio alla nostra cattura (e al nostro spirito narcisistico) al tentativo di rendere meno lunga e meno traumatica tale operazione per il pesce recandogli meno danni possibili.

LE FOTO DA SOLI...

Il caso più difficoltoso è quando siamo da soli e vogliamo documentare e ricordare una bella cattura (perchè diciamoci la verità tante foto possiamo anche risparmiarcele limitando le foto alle catture più significative) e non abbiamo nessuno che possa fotografarci.

NON SPIAGGIARE

Evitare se possibile di spiaggiare il pesce trascinandolo su terriccio, sassi, sabbia ed erba secca (al massimo su erba bagnata) specialmente le specie più delicate tipo trote, temoli e lucci.


GUADINO? SI' GRAZIE

Uno dei modi migliori per riuscire a fare foto senza danneggiare il pesce catturato è quello utilizzare un guadino (possibilmente con una rete senza nodi,di quelle stampate o magari in gomma), lasciare che il pesce catturato si tranquillizzi nel guadino, con la rete parzialmente sommersa in acqua ovviamente, e dopo averlo slamato e tendendolo dentro il guadino (se non si è già slamato da solo), procedere alla foto prendendolo con la mano bagnata, fotografarlo direttamente dentro o accostando la canna al guadino in poche spanne d'acqua, per poi effettuare il rilascio.
Posted Image

Posted Image

MANI BAGNATE
Quando tocchiamo o prendiamo in mano per slamare o fotografare la preda catturata è bene sempre bagnare la mano in modo da non provocare ustioni o asportare il muco sulla pelle del pesce.
Ovviamente dovremo evitare una pressione troppo forte, perchè strizzando il pesce gli provocheremmo lesioni interne gravi.
Ecco un esempio in cui il pesce, guadinato lasciando la rete parzialmente sott'acqua, viene preso in mano dopo averla bagnata immergendola sempre all'interno del guadino.
Posted Image

Posted Image

Posted Image


UNA SEQUENZA DI RECUPERO-FOTO-RILASCIO...


Se ci troviamo in una situazione in cui si può fare a meno del guadino (o nel caso non possiamo disporne) possiamo procedere così:

In questo caso non è stato usato il guadino vista la riva accessibile e le dimensioni medio-piccole della cattura.
Si recupera il pesce fino a portarlo in poche spanne d'acqua, sufficienti a impedire che rimbalzi sulla sponda per evitare che si procuri abrasioni o lesioni interne.
Intanto diamo già uno sguardo a dove vogliamo condurre la nostra cattura a fine combattimento e prepariamo la macchinetta fotografica che abbiamo messo nella tasca.
Posted Image

Portato il pesce (in questo caso una trota che presenta evidenti segni di beccate di uccelli predatori) nell'acqua bassa in prossimità della riva...
Posted Image

prendiamo la macchinetta e tenendo il pesce sempre semisommerso scattiamo qualche foto.
Posted Image

Sempre tenendolo in acqua lo liberiamo dall'amo e lo salutiamo mentre se ne va!
Posted Image


QUESTIONE DI MISURE...
Metro o no? Come rendere l'idea della misura del pesce senza usare il metro?


Se abbiamo intenzione di rilasciare il pesce e al contempo vogliamo fare una "bella" (il concetto di bello è soggettivo comunque) foto l'ideale secondo me è lasciarlo in pochi centimetri d'acqua e magari immergere la canna al suo fianco in modo da dare un riferimento visivo che possa fare capire la taglia della nostra cattura.
Posted Image


Posted Image


Se non possiamo o non vogliamo immergere la canna a fianco del pesce può essere sufficiente prenderlo in mano sempre semisommerso in acqua per rendere l'idea della dimensione della nostra preda.
Posted Image


Le foto con il pesce sulla riva a fianco del metro oltre a farci perdere tempo nello srotolare il metro per la misurazione e oltre al fatto che il pesce si ritrova all'asciutto non sono molto estetiche ed in più pregiudicano la buona riuscita dell'operazione di rilascio.

Autoscatti: meglio farne a meno

Evitare possibilmente gli autoscatti per la perdita di tempo prezioso utile per un corretto rilascio.
Inoltre le foto in autoscatto spesso non riescono bene : braccia tagliate, espressioni stranite,con occhi che guardano chissà dove, soggetti mal posizionati e angolazioni bizzarre nel tentativo di immortalarsi da sé con la propria cattura.
E il pesce che assiste sicuramente poco divertito dai nostri tentativi fotografici...

Situazioni "estreme"

Logicamente ci sono alcune situazioni limite (sponde scoscese, pareti scivolose, ecc...) che possono rendere difficoltoso sia il recupero sia foto e rilascio del pesce. In questo caso suggerisco sempre, prima di provare a pescare in questi spot "difficili" o addirittura estremi di cercare di individuare in anticipo (prima di lanciare) un percorso o un modo per salpare l'eventuale pesce allamato così da non trovarsi impreparati a gestire situazioni scomode (e a volte pericolose) per il pesce ma soprattutto per noi.

Tutti questi sono solo alcuni consigli e alcuni comportamenti che ci piace tenere quando siamo in pesca e che consigliamo a chi vuole unire la passione fotografica ad un'efficace pratica del catch and release.


RIASSUMENDO...
Per riassumere, le operazioni che si consigliano per fare una foto piacevole e non compromettere il corretto rilascio del pesce sono:

- evitare di spiaggiare il pesce;
- utilizzare possibilmente un guadino immerso in acqua o lasciare il pesce in pochi centimetri d'acqua
- evitare operazioni inutili e poco estetiche come il metro e l'autoscatto
- bagnare le mani quando si maneggia il pesce
- non stringere eccessivamente il pesce "strizzandolo"


carlo alberto, mirko con l'aiuto di andrea (rvtrix)
-----------------------------------------------------------------------------------------
Gli Amici Della Topa
http://dimibsfishing....wordpress.com/


La classe non è acqua ma prosecco! [cit.Repele Dimitri ]

#3 Repele Dimitri

Repele Dimitri

    Repele Dimitri

  • Gold Member
  • 29182 Post:
  • LocalitàNuvolera (BS)
  • Tecnica: Mosca & c
  • Provenienza: Nuvolera (BS)

Postato 22 November 2011 - 12:58 PM

Una guida che merita un particolare plauso a tutti gli esecutori :smile:
Gli Amici Della Topa
http://dimibsfishing....wordpress.com/


La classe non è acqua ma prosecco! [cit.Repele Dimitri ]

#4 Skintek85

Skintek85

    Utente registrato

  • Utenti registrati
  • PipPipPipPipPip
  • 1580 Post:
  • Tecnica: Qualunquismo
  • Provenienza: Vailate (CR)

Postato 22 November 2011 - 13:52 PM

Complimenti davvero! Peccato che non tutti seguano per filo e per segno questa guida anzi (io in primis purtroppo) :doubt: Vabbè ogni commento ulteriore è superfluo ;-)

Questo post è stato modificato da Skintek85: 22 November 2011 - 17:45 PM

*Catch & Release *
“Quando l’ultimo albero sarà stato abbattuto, l’ultimo fiume avvelenato, l’ultimo pesce pescato, solo allora vi accorgerete che non si potrà mangiare il denaro”
Posted Image

#5 Fario-CH

Fario-CH

    Utente registrato

  • Gold Member
  • 9846 Post:
  • LocalitàNyon-Svizzera
  • Tecnica: spinning
  • Provenienza: Piemonte
  • Anno di nascita:1966

Postato 22 November 2011 - 14:05 PM

chapeau! :gott: :gott: :gott:
devo purtroppo ammettere che (sto parlando di me stesso, sia ben chiaro) in certe situazioni, con pesci record e/o comunque di dimensioni importanti, sara' l'adrenalina,sara' che non capisco piu' nulla ma non é affatto semplice ripetere quelle operazioni, molto ben descritte, che effettuiamo con naturalezza su esemplari medio/piccoli.
cerchero' di migliorarmi ovviamente, e grazie ancora per le spiegazioni :smile:

#6 Steq

Steq

    Esperto di "18 Lune" e di nodi rapidi

  • Gold Member
  • 2151 Post:
  • Tecnica: Spinning & LightGame
  • Provenienza: Trezzo Sull'Adda (MI)

Postato 22 November 2011 - 15:49 PM

:gott: :gott: :gott:
Fishing is good, spinning is better, POrK is the best!!!

Steq sostiene il Catch & Release.
 
Ex-utente Speck, detto anche "il buono"!

#7 simo96

simo96

    Utente registrato

  • Utenti registrati
  • PipPipPipPipPip
  • 506 Post:
  • LocalitàRoma
  • Tecnica: Spinning
  • Provenienza: Roma

Postato 22 November 2011 - 16:32 PM

Carina come guida... bravi :mrgreen:

La pesca... una passione da 19 anni. Sempre e comunque No Kill :)


#8 ivan from trigno

ivan from trigno

    Jiivan

  • Gold Member
  • 4607 Post:
  • LocalitàRoma Nord
  • Tecnica: Spinning e Passata
  • Provenienza: Roma Nord

Postato 22 November 2011 - 17:00 PM

Ottima guida e bellisisme foto! a volte mi rendo conto solo dopo che non sempre ho riservato un trattamento ideale al pesce, e che la foto poteva venire molto meglio! ho dedotto alla fine che il miglior modo di trattare il pesce e di fare una foto efficace e bella, è tenerlo semisommerso con una mano sotto, risaltano molto i colori ancora ben coperti d'acqua (come dice la guida appunto)
-Il Catch And Release non è un modo di dire... non si rilascia un pesce perchè "è il regolamento" o perchè "spero di ritrovarlo e riprenderlo"...un pesce lo si rilascia per la semplice e genuina ammirazione di esso... quando si è colpiti dalla bellezza della natura che ti circonda e dei suoi abitanti, quando si è consapevoli della loro straordinarietà, sia nella loro bellezza che nei loro comportamenti, il C&R diviene non una scelta, ma una semplice ed ovvia conseguenza...e la giusta compensazione per quel piccolo peccato d'egoismo qual'è la pesca; non si puo rovinare tutto ciò, perchè è strordinario.-
-Il miglior modo per godere di questo paradiso, è pescarci-
-La frase più bella del mondo non è "ti amo" ma "ce l'ho!!"-

#9 Flyfisher

Flyfisher

    Beppe

  • Moderatori
  • 6588 Post:
  • Località(VA)
  • Tecnica: spinning
  • Provenienza: (VA)

Postato 22 November 2011 - 20:50 PM

:respekt: bellissima guida!!!! :applaus:

"Una trota è troppo preziosa per essere catturata una volta sola" 

"Da grandi mandibole derivano grandi ferrabilità"
 
No sponsor, no lies


#10 doppiorhum

doppiorhum

    TitsRhum

  • Svaccatore di topic
  • 10122 Post:
  • LocalitàCarbonara di Po
  • Tecnica: Swimbait & Topwater
  • Provenienza: mantova
  • Anno di nascita:1967

Postato 22 November 2011 - 21:07 PM

:applaus: :applaus: :applaus: bravi :2thumbs:








No sponsor, no lies
 

#11 Pescadur

Pescadur

    Pescatore Addino

  • Webmaster
  • 5045 Post:
  • Tecnica: pesca del pesce
  • Provenienza: Bergamo

Postato 22 November 2011 - 21:14 PM

:gott: :2thumbs: :klatsch:

La trota è un pesce impuro. Trotaioli pentitevi!
Corri, tra' rosei fuochi del vespero,/corri, Addua cerulA: Lidia su 'l placido/fiume, e il tenero amore,/al sole occiduo naviga. (G. Carducci)


#12 Albigian

Albigian

    Utente registrato

  • Utenti registrati
  • PipPipPipPipPip
  • 6 Post:
  • LocalitàCreazzo (VI)
  • Tecnica: Spinning
  • Provenienza: Vicenza

Postato 10 May 2012 - 19:51 PM

Ottima guida, per chi come me è agli inizi è molto utile :2thumbs:

#13 Antobo

Antobo

    Utente registrato

  • Utenti registrati
  • PipPipPipPipPip
  • 132 Post:
  • Tecnica: Spinning
  • Provenienza: Avellino

Postato 15 May 2012 - 13:14 PM

Bellissima guida ci voleva proprio..... :rolleyes:

#14 agbarrows

agbarrows

    Utente registrato

  • Utenti registrati
  • PipPipPipPipPip
  • 297 Post:
  • Tecnica: spinning
  • Provenienza: Acqui Terme (AL)

Postato 15 May 2012 - 13:34 PM

complimenti! bellissimo post! da mettere negli importanti pliiiiis!
WORK IS FOR PEOPLE WHO DON'T KNOW HOW TO FISH!

#15 malauros®

malauros®

    Massimo

  • Moderatori
  • 9628 Post:
  • LocalitàTradate (VA)
  • Tecnica: Roubaisienne
  • Provenienza: Tradate (VA)

Postato 15 May 2012 - 14:24 PM

un commento importante

fantastico topic
Malauros® - 15/10/1947 
Posted ImagePosted Image

#16 rolla spinning

rolla spinning

    Utente registrato

  • Utenti registrati
  • PipPipPipPipPip
  • 51 Post:
  • Tecnica: spinning
  • Provenienza: milano

Postato 06 October 2012 - 15:19 PM

bellissimo topic il rispetto del pesce è piu importante del nostro ego!

#17 Skalva

Skalva

    Rock n' Roll

  • Utenti registrati
  • PipPipPipPipPip
  • 1314 Post:
  • Tecnica: Spinning,Ledgering
  • Provenienza: Urago d'Oglio (BS)

Postato 09 October 2012 - 19:11 PM

gran bella guida complimenti!!!

ciapel & molel

POTA FISHING TEAM


#18 simo_84

simo_84

    Utente registrato

  • Utenti registrati
  • PipPipPipPipPip
  • 1192 Post:
  • LocalitàVarese
  • Tecnica: spinning C&R..
  • Provenienza: L.Maggiore
  • Anno di nascita:1984

Postato 21 December 2012 - 17:59 PM

Complimenti per la guida!!!con l' augurio che gli esecutori siano sempre di piu :2thumbs:



#19 Max1987

Max1987

    Utente registrato

  • Gold Member
  • 3787 Post:
  • Localitàroma
  • Tecnica: striscio, spinning
  • Provenienza: Roma

Postato 26 December 2012 - 16:51 PM

Una guida molto istruttiva, non c'è che dire :)!!! Anzi sì: complimenti a Federico e Dimitri per averla creata :). Le foto, poi, sono stupende :)



#20 il demone della pioggia

il demone della pioggia

    Utente registrato

  • Utenti registrati
  • PipPipPipPipPip
  • 11 Post:
  • LocalitàGiulianova
  • Tecnica: spinning
  • Provenienza: Giulianova (TE)

Postato 27 May 2013 - 11:15 AM

molto utile, complimenti!


Cielo e mare:
m'illumino
           d'immenso


0 utenti stanno leggendo questo topic

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi