Jump to content

REPORT Raduno Feriolo - 28/29 settembre 2019

PescaNetwork.it il sito di riferimento sulla Pesca Sportiva. Tutte le informazioni su: Tecniche, Itinerari, Attrezzature, Documenti e News sulla Pesca. - - -

Foto

come trattare il pescato?


  • Please log in to reply
69 risposte a questo topic

#1 r1diego

r1diego

    Utente registrato

  • Gold Member
  • 8227 Post:
  • Localitàalbaredo d'adige verona

Postato 27 June 2009 - 15:02 PM

premetto
la mia tecnica principale e' il carpfishing
una delle regole del cf e' che sotto il pescato ci sia il materassino BAGNATO
pero' sembra che non sia effettivamente una forma di rispetto del pescato :? :? :? :?

con questo post, come da titolo, vorrei capire quale sia il comportamento migliore nei confronti della preda per arrecare meno danno possibile

elenco delle domande per iniziare, poi benvengano altre :wink:
il materassino bagnato sotto un pesce arreca del danno?
la riossigenazione specialmente per certe tipologie di pesce e' indispensabile prima del rilascio?
qual'e' il sistema migliore per riossigenare un pesce?
il disinfettante ha senso o sono soldi buttati?
intanto facciamo queste, non mettiamo troppa carne al fuoco :) :wink:

mettiamo pero' dei paletti onde evitare offtopic o caciare inutili
parliamo del pesce in generale
facciamo distinzione se serve tra pesce di grossa mole e non
evitiamo frasi del tipo "il max rispetto del pesce e' non pescarlo" perche' lo sappiamo tutti ma tutti lo stiamo andando a pescare :D :wink:
valutiamo anche il fatto che la maggior parte delle nostre prede la vogliamo anche fotografare :wink:

mi sembra ci sia un po tutto ma ben venga anche dell'altro e specialmente chi risponde :wink:
la pesca e' un'arte!30 anni

http://diegopesspess.spaces.live.com

#2 redmikedondolo

redmikedondolo

    Utente registrato

  • Utenti registrati
  • PipPipPipPipPip
  • 609 Post:
  • LocalitàVillafranca di Verona
  • Tecnica: Carpfishing
  • Provenienza: Villafranca

Postato 27 June 2009 - 16:01 PM

:
il materassino bagnato sotto un pesce arreca del danno?


Secondo me un materassino fa comunque del danno al pesce, capita spesso molto muco rimanga sul materassino nonostante questo sia bagnato, perciò il danno è evidente. Non esiste un modo per fargli meno danno secondo me, a meno che qualcuno non inventi un materiale particolare che non faccia staccare il muco, ma penso non esistano cose del genere...
Ovviamente è sempre meglio metterlo per terra!
Mi sto riferendo alle carpe ovviamente, in particolare alle specchi...
La nostra passione va protetta! Basta inquinamento! Basta sfruttamento!
Protezione ambientale e salvaguardia... Questo è il mio sogno!

Mike 21 anni...
Posted Image

#3 corrado71

corrado71

    Utente registrato

  • Utenti registrati
  • PipPipPipPipPip
  • 508 Post:
  • LocalitàMerano (BZ)
  • Tecnica: Spinning
  • Provenienza: Merano (BZ)

Postato 27 June 2009 - 20:16 PM

io carpfishing non lo conosco, ma a logica direi che bisognerebbe quantomeno evitare che il materasino si scaldi al sore, per evitare shock termici

domanda:
slamare in acqua?

Chi vuol essere lieto, sia:
di doman non c'è certezza.


15/09/1971


#4 Federico Ielli

Federico Ielli

    Moderatore di Sezione

  • Moderatori
  • 8035 Post:
  • LocalitàReggio Emilia
  • Tecnica: spinning
  • Provenienza: Reggio Emilia

Postato 27 June 2009 - 20:31 PM

Forse volevi dire che " è sempre meglio che metterlo per terra" e non " è sempre meglio metterlo per terra :? Insomma, un pesce posizionato a terra, a meno che non lo si metta su erba umida, è quasi sempre destinato ad imbrattarsi (è vivo è quindi si muove) e a procurarsi quantomeno la perdita di alcune scaglie. Se stiamo parlando di rilasciare le catture, allora lo si deve fare nel modo migliore e cagionando il minor danno ( e stress) possibile al nostro amico pinnuto. Aspettavo ad inserirmi in questo post, pensando che qualcuno avrebbe scritto prima di me..... :? Beh, iniziamo :wink: Allora, in prima analisi, mi sembra di interpretare che si stia facendo soprattutto riferimento al carp fishing. La carpa è un pesce molto resistente e anche lo stress da cattura viene superato con certa facilità. Certo anche per il grosso ciprinide valgono alcune regole fondamentali: materassino meglio che terra, riossigenazione non determinante, disinfezione? Ma si, soprattutto se ci sono ulcere cutanee, perdita di squame nell'animale e ferite profonde da allamatura. Diverso è il discorso per altre specie: l'ossigenazione, per esempio, è determinante per pesci quali il luccio o la trota e deve essere operata soprattutto coi grossi esemplari, dopo un lungo combattimento, trattenendo l'animale per la coda ed imprimendogli dei ripetuti movimenti in avanti ed indietro, favorendo così l'apertura della branchie e, di conseguenza, una maggiore irrorazione delle stesse, finchè l'animale riprende vigore. Questa operazione è meno determinante con i piccoli esemplari. Comunque sia, se si intende rilasciare una preda, è sempre bene farlo nel più breve tempo possibile, cercando di tenerla nell'acqua, sia durante le operazioni di slamatura che delle eventuali foto ricordo: cosa, quest'ultima, più facile a dirsi che a farsi :(
Federico Ielli

#5 r1diego

r1diego

    Utente registrato

  • Gold Member
  • 8227 Post:
  • Localitàalbaredo d'adige verona

Postato 27 June 2009 - 21:10 PM

ciao Federico
avrei una domanda
ho notato e me ne hai dato conferma che per la carpa comune l'ossigenazione e' necessaria per grossi esemplari ma anche no
mentre per la carpa erbivora o amur invece e' indispensabile anche per taglie relativamente piccole, me lo confermi?
e come procedura mi hanno consigliato il massaggio dello stomaco in maniera tale da far fuoriuscire l'aria che gli si accumula stando fuori dall'acqua, me lo confermi?

p.s.
e' chiaro che le mie domande saranno spesso rivelte in merito alla mia tecnica ma spero che questo post venga usato anche da altri :wink:
la pesca e' un'arte!30 anni

http://diegopesspess.spaces.live.com

#6 sampey87

sampey87

    Utente registrato

  • Utenti registrati
  • PipPipPipPipPip
  • 47 Post:
  • Tecnica: spinning
  • Provenienza: salerno

Postato 27 June 2009 - 21:15 PM

Comunque sia, se si intende rilasciare una preda, è sempre bene farlo nel più breve tempo possibile, cercando di tenerla nell'acqua, sia durante le operazioni di slamatura che delle eventuali foto ricordo: cosa, quest'ultima, più facile a dirsi che a farsi


Sono d'accordo in pieno,le carpe sono molto più toste e forti rispetto a lucci e trote,e possono restare più a lungo fuori dall'aqua,mentre per le trote è diverso,chi pratica il C&R,deve avere delle accortezze durante la slamatura,facendo attenzione a nonlesionare maggiormente l'pparato boccale ,ed a eventuali urti che potrebbero compromettere la vitalità.
Per la foto ricordo bisagna che il pesce resta in acqua,cosi da avere tempo e non di strare li con la preda catturata in mano ed aspettare che il compagno che scatti, nel frattempo,se non si è veloci,ti muore :( :(
Evviva i lC&R

#7 r1diego

r1diego

    Utente registrato

  • Gold Member
  • 8227 Post:
  • Localitàalbaredo d'adige verona

Postato 27 June 2009 - 21:15 PM

io carpfishing non lo conosco, ma a logica direi che bisognerebbe quantomeno evitare che il materasino si scaldi al sore, per evitare shock termici

domanda:
slamare in acqua?


anche per questo deve essere bagnato :wink:

per la domanda :? forse si pecchera' anche di esibizionismo ma fare una foto ad una carpa in acqua oltre che difficoltoso non si riuscira' sicuramente rappresentare la sua livrea o maestosita' o forma o muscolatura o dettaglio o ....... :wink:
la pesca e' un'arte!30 anni

http://diegopesspess.spaces.live.com

#8 r1diego

r1diego

    Utente registrato

  • Gold Member
  • 8227 Post:
  • Localitàalbaredo d'adige verona

Postato 27 June 2009 - 21:21 PM

x federico (porta pazienza ma visto che sei ittiologo mi voglio togliere qualche curiosita' :wink: )

il disinfettante (per lo meno quello che compriamo in negozio di pesca) ha veramente senso usarlo?
visto il poco tempo che la carpa rimane fuori dall'acqua non viene slavato e quindi reso inneficace quando la rilascio?
la pesca e' un'arte!30 anni

http://diegopesspess.spaces.live.com

#9 Federico Ielli

Federico Ielli

    Moderatore di Sezione

  • Moderatori
  • 8035 Post:
  • LocalitàReggio Emilia
  • Tecnica: spinning
  • Provenienza: Reggio Emilia

Postato 28 June 2009 - 09:21 AM

Per Ridiego: si, in effetti il disinfettante ha un senso se rimane a contatto con l'animale per un certo lasso di tempo, meglio se diluito in acqua, quindi per le operazioni di slamatura rapida può anche risultare inutile. Tuttavia il disinfettante uno può anche farselo da se, senza acquistarlo. Per esempio il sale marino (NaCl) diluito è un ottomo disnfettante cutaneo, così pure i prodotti tipo l'amuchina ecc. Per il discorso massaggio respiratorio, ribadisco il concetto: la carpa comune è specie piuttosto resistente, quindi il massaggio respirtorio va praticato solo in caso di lotta molto prolungata e con gli esemplari più grandi. Diverso il caso dell'erbivora, come tu stesso hai detto, più delicata. Si, il massaggio ventrale può essere un ulteriore forma di benessere prima del rilascio, senza però comprimere troppo il ventre, altrimenti di ottiene l'effetto contrario. Per le foto si faceva riferimento soprattutto ai salmonidi, anche perchè una carpa resiste molto di più fuor d'acqua. :wink:
Federico Ielli

#10 redmikedondolo

redmikedondolo

    Utente registrato

  • Utenti registrati
  • PipPipPipPipPip
  • 609 Post:
  • LocalitàVillafranca di Verona
  • Tecnica: Carpfishing
  • Provenienza: Villafranca

Postato 28 June 2009 - 12:02 PM

Si si Scusate ero di fretta e ho sbagliato a scrivere... intendevo: metterlo sul materassino è sempre megli che metterlo per terra :D
La nostra passione va protetta! Basta inquinamento! Basta sfruttamento!
Protezione ambientale e salvaguardia... Questo è il mio sogno!

Mike 21 anni...
Posted Image

#11 redmikedondolo

redmikedondolo

    Utente registrato

  • Utenti registrati
  • PipPipPipPipPip
  • 609 Post:
  • LocalitàVillafranca di Verona
  • Tecnica: Carpfishing
  • Provenienza: Villafranca

Postato 28 June 2009 - 12:11 PM

Federico
Per quanto riguarda il muco invece... capita spesso che questo rimanga sul materassino nonostante questo sia bagnato, in particolare per le specchio o cuoio.
In questo caso il materassino non svolge comp'letamente la sua funzione o sbaglio? Almeno per queste carpe sarebbe ottimale il rilascio in acqua, visto che comunque per una comune il danno è nettamente minore se la mettiamo sul materassino vista la presenza delle scaglie.
Inoltre il muco si può riformare???

Si parlava di sale marino diluito in acqua come disinfettante... ma potrebbe andare bere anche come disinfettante per i danni dell'apparato boccale del pesce? se un pò di acqua salata va sulle branchie potrebbe recare qualche danno???
La nostra passione va protetta! Basta inquinamento! Basta sfruttamento!
Protezione ambientale e salvaguardia... Questo è il mio sogno!

Mike 21 anni...
Posted Image

#12 Federico Ielli

Federico Ielli

    Moderatore di Sezione

  • Moderatori
  • 8035 Post:
  • LocalitàReggio Emilia
  • Tecnica: spinning
  • Provenienza: Reggio Emilia

Postato 28 June 2009 - 14:25 PM

Il muco si rigenera, l'importante è non toglierlo con le mani per manipolazione, cosa che con animali grandi e senza squame può purtroppo avvenire, anche con tutte le migliori attenzioni. Si, il materassino bagnato è meglio che asciutto, poi la questione del disinfettante: il sale marino a basse concentrazioni è ampiamente tollerato anche dai pesci d'acqua dolce. Naturalmente i bagni medicati vanno diluiti, diciamo 0,5-1,5 % per 10'.
Federico Ielli

#13 r1diego

r1diego

    Utente registrato

  • Gold Member
  • 8227 Post:
  • Localitàalbaredo d'adige verona

Postato 29 June 2009 - 11:13 AM

ho letto da qualche parte che la carpa recupera l'ossigeno non solo attraverso le branchie ma anche attrevero tutta la superficie corporea

quindi mi chiedo:
il fatto di tenerla bagnata quando e' fuori dall'acqua oltre al fatto di prevenire l'essicazione del muco o shocktermico potrebbe essere considerato anche un aiuto per alleviare la sofferenza per mancanza di ossigeno ?


p.s.
pensavo avesse piu' affluenza un post cosi' :?
la pesca e' un'arte!30 anni

http://diegopesspess.spaces.live.com

#14 Federico Ielli

Federico Ielli

    Moderatore di Sezione

  • Moderatori
  • 8035 Post:
  • LocalitàReggio Emilia
  • Tecnica: spinning
  • Provenienza: Reggio Emilia

Postato 29 June 2009 - 16:31 PM

Si, quello che hai letto è vero, tuttavia ribadisco che la carpa è un ciprinide molto tollerante, nel senso che tollera anche basse concentrazioni di ossigeno disciolto, molto ma molto di più di altre specie ittiche. Diciamo che anche 3-4 ppm sono ampiamente sufficienti per la carpa, mentre non lo sono affatto per altre specie che ne condividono l'habitat, tipo lucioperca, amur, aspio, ecc., :wink:
Federico Ielli

#15 redmikedondolo

redmikedondolo

    Utente registrato

  • Utenti registrati
  • PipPipPipPipPip
  • 609 Post:
  • LocalitàVillafranca di Verona
  • Tecnica: Carpfishing
  • Provenienza: Villafranca

Postato 29 June 2009 - 17:45 PM

Rigurado alla carpa...
Che danni può avere se viene appoggiata per terra? Può andare in contro alla morte???

Pura curiosità scientifica... non come pretesto per non usare il materassino...
La nostra passione va protetta! Basta inquinamento! Basta sfruttamento!
Protezione ambientale e salvaguardia... Questo è il mio sogno!

Mike 21 anni...
Posted Image

#16 r1diego

r1diego

    Utente registrato

  • Gold Member
  • 8227 Post:
  • Localitàalbaredo d'adige verona

Postato 29 June 2009 - 17:58 PM

Rigurado alla carpa...
Che danni può avere se viene appoggiata per terra? Può andare in contro alla morte???

Pura curiosità scientifica... non come pretesto per non usare il materassino...


mi permetto di rispondere anche io (poi casomai correggera' o ampliera' Federico :wink: )

appoggiandola per terra si corre il rischio di :
perdere muco
perdere scaglie
forti abrasioni
oggetti contundenti
traumi per sbattimento (non sapevo come scriverlo ma penso si capisca cosa intendo)
sicorre il rischio che del materiale entri nelle branchie e le danneggi

al momento mi viene in mente questo :?

per rispondere alla domanda sulla morte :?
ti rispondo dopende ma penso che tra traumi ed infezioni possa andarci vicino

ora la parola a Federico :wink:
la pesca e' un'arte!30 anni

http://diegopesspess.spaces.live.com

#17 Mirko Salabracco

Mirko Salabracco

    Utente registrato

  • Gold Member
  • 6774 Post:
  • LocalitàVerona
  • Tecnica: mosca
  • Provenienza: Verona

Postato 30 June 2009 - 08:16 AM

La mie due tecniche principali di pesca sono lo spinning e la mosca ultimamente … Questa si sta facendo sempre più preponderante considerando che oltre a pescare in fiume alla ricerca di trote , temoli e cavedani vado anche anche in belly a bass

Per quanto concerne il rilascio della preda se non merita una fotografia per la bellezza o per il momento particolare della pescata credo che il modo per arrecare meno danno sia la slamatura diretta in acqua o nel guadino ma sempre in acqua cercando di evitare il più possibile contatti con le mani e comunque bagnate bene (per agevolare le operazioni di rilascio sarebbe il caso di usare ami barbless o con ardiglione schiacciato) … riossigenazione e poi rilascio …

Ricollegandomi ad altri post dove si suggeriva l’utilizzo del materassino indistintamente per il rispetto di tutti i pesci non sono affatto d’accordo.

Utile sicuramente per operazioni di slamatura di pesci big (anche se ci sono spinnofili che catturano pesci big e che slamano la preda direttamente in acqua) … però come emerge dalla discussione l'erba bagnata non è dannosa , ovviamente poi ma è scontato dirlo da usare con tecniche statiche e con pesci che hanno una buona resistenza fuori dal loro ambiente naturale....

ciao

#18 Federico Ielli

Federico Ielli

    Moderatore di Sezione

  • Moderatori
  • 8035 Post:
  • LocalitàReggio Emilia
  • Tecnica: spinning
  • Provenienza: Reggio Emilia

Postato 30 June 2009 - 09:41 AM

Relativamente alla domanda se la carpa può andare incontro a morte se appoggiata per terra, difficile è dare una risposta assoluta. Senz'altro subito no, al massimo potrà esserci una certa percentuale di mortalità differita (relativamente bassa), se l'animale va incontro ad infezioni secondarie, in seguito a quanto già detto. Però, molto dipende da come viene appoggiata e da quanto permane sulla terra. Comunque ribadisco ancora una volta un concetto, che però non deve essere estremizzato. La carpa è molto resistente ed ha notevoli difese immunitarie, molto più di altre specie ittiche. Ciò non deve essere di pretesto per maltrattarla da un lato e, dall'altro, questo discorso non deve essere considerato riduttivo per chi pratica carpfishing :wink:
Federico Ielli

#19 Mirko Salabracco

Mirko Salabracco

    Utente registrato

  • Gold Member
  • 6774 Post:
  • LocalitàVerona
  • Tecnica: mosca
  • Provenienza: Verona

Postato 30 June 2009 - 09:53 AM

Relativamente alla domanda se la carpa può andare incontro a morte se appoggiata per terra, difficile è dare una risposta assoluta. Senz'altro subito no, al massimo potrà esserci una certa percentuale di mortalità differita (relativamente bassa), se l'animale va incontro ad infezioni secondarie, in seguito a quanto già detto. Però, molto dipende da come viene appoggiata e da quanto permane sulla terra. Comunque ribadisco ancora una volta un concetto, che però non deve essere estremizzato. La carpa è molto resistente ed ha notevoli difese immunitarie, molto più di altre specie ittiche. Ciò non deve essere di pretesto per maltrattarla da un lato e, dall'altro, questo discorso non deve essere considerato riduttivo per chi pratica carpfishing :wink:



non vorrei andare troppo ot.... però faccio un collegamento sulla resistenza della carpa
ovviamente non c'è dubbio basta guardare in che acque riesce a vivere...... :wink: :wink: un flash mentale quando ero ragazzino e lavoravo in un allevamento di carpe e trote (e magari lo conosci pure)... quando effettuavamo operazioni di prelievo delle carpe destinate ai laghetti di pescasportiva, attraverso sistemi idraulici veniva tolta quasi tutta l'acqua dal determinato laghetto dove c'erano le carpe interessate al prelievo e poi entravamo in acqua con le reti e guadini....le carpe in mezzo al fango e alla poca acqua vivevano tranquillamente..... :)

#20 Federico Ielli

Federico Ielli

    Moderatore di Sezione

  • Moderatori
  • 8035 Post:
  • LocalitàReggio Emilia
  • Tecnica: spinning
  • Provenienza: Reggio Emilia

Postato 30 June 2009 - 10:40 AM

Appunto, la carpa è specie assai resistente, anche più del carassio :wink:
Federico Ielli


0 utenti stanno leggendo questo topic

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi