Jump to content

RADUNO UFFICIALE :::: FERIOLO (VB) :::: 23 e 24 settembre 2017!

PescaNetwork.it il sito di riferimento sulla Pesca Sportiva. Tutte le informazioni su: Tecniche, Itinerari, Attrezzature, Documenti e News sulla Pesca. - - -

Foto

I due lati della medaglia


  • Please log in to reply
14 risposte a questo topic

#1 Luca M.

Luca M.

    Provarci sempre!

  • Gold Member
  • 2785 Post:
  • LocalitÓBrianza
  • Tecnica: Spinning
  • Provenienza: Bovisio Masciago (MB)

Postato 17 May 2017 - 09:56 AM

E’ da parecchio tempo che non scrivo un report: se non ricordo male, da quel fortunato settembre 2016, quando ho avuto il piacere immenso di incontrare per la prima volta il Re, pesce mai cercato di insidiare a spinning. Giornata fortunata quella…esco per la prima volta in stagione per cercare la regina del lago, e mi capitano solo lucci! La pesca è stupenda, soprattutto sotto questo lato.

La lacustre quest’anno l’ho cercata veramente poco in inverno, e quelle poche uscite, tra l’altro, le ho affrontate veramente male, senza la giusta carica, quasi senza una vera motivazione, lasciandomi trasportare dagli eventi: provare a cercare una soluzione alternativa non mi passava neanche per la mente.

Periodo davvero strano, però, nella “mediocrità” delle mie uscite prima della chiusura, qualche avvistamento c’è stato, anche se a rimanere allamato all’artificiale è stato sempre lui, il cavedano di taglia.

E così arriva Dicembre, e se devo essere sincero, ho aspettato questo periodo quasi con gioia, per porre fine alle mie inutili e infruttuose comparse sul lago. Non so, stava diventando un dovere più che un piacere…era il momento di fermarsi un attimo e riflettere su ciò che avevo fatto fino a quel momento, e capire come affrontare il nuovo anno.

Purtroppo per me, non ci sono stati cambiamenti, ho ricominciato allo stesso modo, qualche sabato mattina passato sul lago a pescare l’acqua, le condizioni mai trovate, e soprattutto lui, il Lario, che aveva raggiunto livelli mai visti prima: acqua bassissima, spot completamente stravolti, sponde asciutte e gradini vicinissimi.

Questo è stato il fattore determinante: a metà Febbraio, ho deciso di interrompere la ricerca a data da destinarsi! Di sicuro qualche pesce sarà uscito, ma da parte mia, non c’era la volontà di impegnarmi per cercarlo e ingannarlo, come ai vecchi tempi.

Passato l’inverno, a Marzo, un caro amico mi informa del fatto di voler visitare Ledro ed il suo bellissimo lago, in quanto non vi era mai stato prima, e mi invita a passare un week-end con le rispettive famiglie. Non ci penso due volte, ho avuto modo di pescarci solo una volta, sono passati ormai due anni. Decido quindi di portarmi l’attrezzatura: sto cercando di ritrovare il filo conduttore, quella motivazione che manca nelle mie uscite.

Siamo abbastanza vicini a Trento, e ovviamente non posso che cercare di combinare una uscita con Lorenzo, che prontamente mi dà due di picche  :fear: …preferirà imboscarsi lungo le sponde del “ilsecondofiumepiùgrossod’Italia” con un altro noto individuo del forum,  :xxx: solito girare lungo gli argini con una graziella. Ovviamente da quel giorno, è entrato di diritto nel libro nero “nonpassareglispotagliamicidelforumchenonlomeritano”. Vedremo se in futuro avrà l’opportunità di riguadagnarsi la fiducia persa…che già vacillava dopo i suoi report, dove per sbollire degli innumerevoli cappotti in acque salse, si vendicava postando spot segreti ai quattro venti!  :D

Prima o poi ci vedremo nella mia o tua terra Lorenzo…per regolare i conti! :D   :prost:   :D

 

Si parte…questa volta con un nuovo obiettivo: prendere una trota uscendo dai soliti schemi, le solite abitudini che mi stavano rendendo apatico nelle pescate. Voglio utilizzare il lipless, esca per me davvero ostica. Non ho mai avuto un feeling particolare, usati veramente poco, diverse volte in acque dolci, nelle misure più contenute, ma dopo qualche lancio mi “stancavano”, per via del classico recupero lineare, lento, arricchito da piccole sbandate e cadute.

Così mi procuro un bel lipless da 130, nato per il saltwatrer, adatto ad essere maltrattato, come piace a me! Cambio le ancorette di serie e monto due Owner brunite in carbonio…ci sono leggende metropolitane riguardo le ancorette stagnate in acque dolci… Chi ben incomincia è a metà dell’opera dicono i saggi…ed infatti inizio con due sonori cappotti: in acqua finiscono un po’ tutte le esche, dimenticandomi proprio del caro lipless. Il sabato mattina poi ho dovuto lottare con il freddo più che con esche e pesci: anelli completamente sigillati dal ghiaccio e treccia bloccata, con conseguenti immersioni nelle acque del lago. Ed intorno a me, era un bollare unico.  :shocked:

Colto dal raptus del lancio compulsivo sulle mangianze, inizio a sparare esche su tutte le esplosioni che vedo, accecato dalla voglia di allamare un pesce…talmente accecato da non riuscire a capire chi potesse essere l’artefice di tutto ciò. :lachtot:

Poi la scimmia, colta dal lume della ragione, ha tolto le zampe dai miei occhi, e in un breve istante di lucidità ho realizzato: erano carpe, bellissime, che si esibivano in esplosioni d’acqua come non avevo mai visto prima. Con il sorgere del sole però tutto finisce, insieme alle mie speranze di cattura!

 

Nel tardo pomeriggio torno nuovamente sulle sponde del lago, senza esitazioni, monto il nuovo giocattolo e inizio a lanciare e recuperare in svariati modi, per cercare di capire come si comporta in acqua e come si muove a diverse velocità e sollecitazioni.

Inizio a prendere confidenza, recuperi veloci mai lineari: solo ed esclusivamente violente jerkate su jerkate. Il lipless sbanda lateralmente quasi ad angolo retto, spanciando sui fianchi. Dopo parecchi lanci, ormai all’imbrunire, e con le speranze ai minimi termini, all’improvviso la sua corsa si arresta, la canna si piega: c’è!

Eccola finalmente, ha attaccato con violenza, e si difende bene, nonostante sia di taglia modesta. Si contorce al largo, ripetutamente, per cercare di liberarsi, ma non ce la farà. La porto a riva il più velocemente possibile, evito di guadinarla per non procurarle danni ben più gravi. La spiaggio, slamatura veloce, foto ricordo e via in acqua. Livrea azzurro con riflessi violacei, bellissima!  :liebhab:

Ha sferrato l’attacco mordendo l’artificiale nella parte centrale-di testa, ed è rimasta allamata su una sola ancoretta. Se l’avessi guadinata, con l’ancoretta di coda libera, avrebbe potuto lesionarsi irrimediabilmente l’apparato boccale.

 


Domenica mattina, con le temperature meno rigide, usciranno altre due trote, solita taglia, con l’intramontabile ferraglia…pescavo “corto”, non potevo permettermi di lasciare il lipless sulla sponda opposta!

La prima, uscita alle primissime luci dell’alba, in assenza di sole, su ondulante argento olografico…


 

…e la seconda, a sole ormai alto, con ondulante nero.

 

 

La trasferta ha avuto il suo riscontro. A volte ci si sente appagati dalle catture cercate per tempo, l’animo feroce del cacciatore si placa, ma questa volta è successo l’esatto contrario: torno a casa carico, e mi rimetto alla ricerca sul grande lago, che grazie a qualche timida pioggia, molto lentamente riprende le sue sembianze, anche se ancora non siamo ai livelli ottimali. Perché alla fine è qui che devo trovare la mia quiete interiore.

Stanno uscendo diverse trote, tutte col vivo, e tutte rigorosamente non hanno fatto ritorno in acqua. :( Di alcune mi è stato riferito, altre le ho viste con i miei occhi…un vero peccato, se poi penso a chi si lamenta di certi aspetti dei nostri bacini: ma questa non è sede di discussione.

 

Inizio così, tra Aprile e Maggio, una serie di uscite di svariate ore, non sento stanchezza, e la concentrazione è ai massimi livelli, riesco a pescare bene. Manca però Lei, sembra che gli artificiali in questo periodo non riescono ad ingannarla in nessuna maniera. Ho provato veramente di tutto d’appertutto, spiagge a bassa energia, spiagge fonde, moli, foci…niente

di niente. Troppo vivo in circolazione, ho trovato tappeti di alborelle a perdita d’occhio, che vuoi che gliene freghi dei miei giocattoli di ferro e plastica?

Ma io non mollo, e dopo gli ultimi violenti temporali di inizio Maggio, il lago finalmente è colmo, con livelli ottimali. Le mattinate si contraddistinguono per i forti venti da nord, che spesso non permette di stare in pesca in maniera ottimale, per poi placarsi a metà giornata. Decido quindi di organizzare le battute su due tipologie di spot, per cercare di avere il vento adeguato in ogni situazione.

La prendo con molta calma, niente alzatacce: le uscite saranno concentrate tra le 9 del mattino e le 15 del pomeriggio. Ultimamente ho notato discreta attività negli orari centrali della giornata, ed infatti, tutti i giorni, le prime ore passavano con il solito turnover di artificiali, giusto per giustificarne e dare un senso al loro acquisto! Poi come per magia ecco le prime avvisaglie, cacciate fantastiche sulle piccole alborelle che si rifugiavano lungo le rive formando immense palle nere. 

Niente di niente, avrei potuto pescare per due giorni di fila, certo del fatto che nessuna trota avrebbe mai attaccato i miei artificiali.

 

Mollare? Neanche per scherzo, e con il continuo tarlo nella mente, penso che forse, l’unico modo per provare a catturarne una è utilizzare un’esca che di sicuro snobbo più dei lipless: la gomma. Non so perchè, ho sempre avuto una repulsione naturale verso questa tipologia di artificiale…non mi ha mai convinto e soprattutto non sono mai stato in grado di utilizzarla nei migliori dei modi. Però nei miei pensieri è lei che assomiglia e simula maggiormente con il suo nuoto le alborelle…se solo sapessi muoverla con maestria!

Scatta il secondo acquisto mirato della stagione…uno, e dico uno shad di colore bianco verde, con testina da 5 grammi…senza fare nomi e pubblicità varie!

Il giorno dopo, sono ovviamente sulle rive del lago, come di routine, sul primo spot, al riparo dal troppo vento. Non succede nulla, se non qualche cacciata dei soliti cavedani, ma non do peso al fatto, provo a fare pratica con il nuovo gingillo, dato che ormai le acque sono praticamente piatte e trasparenti, e mi agevolano nel vederne i movimenti sott’acqua. Sono davvero

una chiavica  :lepra: …nonostante lo shad, si muova già molto bene con recuperi normalissimi. Provo e riprovo, sento il rintocco delle campane: è mezzogiorno.

 

Cambio spot, qui il vento sta scemando, ma ancora increspa perfettamente la superficie del lago. Inizio come da abitudine con qualche minnow che richiama la livrea e dimensione del foraggio, presente in superficie e stranamente tranquillo. Nuotano tutte in superficie, fino a parecchi metri dalla riva…brutto segno. Se non succede nulla a galla, penso io, magari c’è attività più in profondità. Prendo il fido ondulante, e inizio a sondare gli strati subito sotto, continue tocche sul trecciato, sono le alborelle che incoccio nel recupero…oggi sono d’appertutto! Qualcuna rimane anche infilzata dall’ancoretta, e così, do il via ad una nuova tecnica…lo spinning con il morto pasturato!

Scendo ulteriormente, parecchi metri sotto, pochi giri e il tutto si appesantisce: penso a qualche detrito alla deriva, gli ultimi temporali ne hanno lasciati in giro davvero molti. Qualche sollecitazione, è l’ennesima alborella rampinata, ma questa è davvero grossa: mi passa per la mente l’idea di spacciarla come una piccola lacustre! Due più due…quattro.

Monto un jerk da 15 cm ed inizio a divertirmi come un pazzo con recuperi molto allegri…si sa mai che nel torpore delle povere prede, questa volta l’artificiale possa essere notato da una trota in caccia. Anche questo tentativo, un buco nell’acqua. Sono ormai passate le 13, il sole si fa sentire, e mi illumina la materia grigia…razzo, la gomma!

Anche per i pescatori intorno, tutti rigorosamente col vivo, questa è una giornata atipica, loro solitamente una la bucano: oggi no, oggi tutto sembra essersi fermato.

Monto lo shad, non vola molto lontano, è abbastanza leggero, per di più ho contro il poco vento che ancora soffia: provo con recuperi a mezz’acqua, canna alta, canna bassa, piccole solelcitazioni…boh, per me è ignoranza pura.

Cambio. Lo lascio cadere sul fondo e parto con recuperi a colpetti in risalita, per poi farlo ricadere un secondo e ripartire. Sembra che riesca a recuperarlo abbastanza bene. Sondo diverse zone, nulla di nulla, poi effettuo un lancio perpendicolare alla corona che riesco a intravedere da riva.

Voglio farlo risalire lungo tutto il gradino, per sondare completamente la fascia d’acqua disponibile.

Qualche secondo di attesa ,treccia in tensione ed inizia il recupero: veloci sollecitazioni…pausa, ripeto, pausa…ricomincio: la canna si piega! Nell’ordine i miei pensieri sono stati:


1-     Razzo, ho preso il fondo!...ma poi sentendo due testate…  :-)

 

2-     Persico, non c’è dubbio!...recupero con nonchalnce…snobbando la preda  :D

 

3-     No minchi@…un perca!...vedendo riflessi strani sulle spanciate del pesce che si dimena a mezz’acqua…  :ultragrin:


Non vuole aggallare, tira continue testate. La forzo e finalmente posso ammirarla in tutto il suo splendore!  :liebhab:

E’ lei, la regina…e che regina! Come da copione, il guadino è dove sempre trova la sua utilità: in macchina!

Va beh, poco male: gestisco il combattimento nel migliore dei modi mentre cerco un punto agevole per portarla all’asciutto. Sulle sponde tornano utili i detriti trasportati dalla corrente, un letto di foglie e rami dove farla scivolare dolcemente. Non voglio stressarla più di tanto, si prende pochissima treccia. La porto verso riva…è fatta! Non ci credo, una bellissima lacustre a gomma in lago!

Si slama da sola, metto la canna in sicurezza e prendo il telefono per una foto veloce: ha una livrea fantastica, mai vista una lacustre del genere. La testa color verde smeraldo ed il ventre azzurro come il cielo! Forse in foto non rende giustizia, ma vi assicuro che era stupenda.  :cuinlove:

Non è la fantomatica freccia argentata, ha anche una silhouette piuttosto slanciata, ma la gioia che mi ha regalato è la medesima.

 

 

C&R immediato e insulti gratuiti da parte del pubblico circostante: per me è stato il mio momento di gloria, più della cattura in sé!  :D

 

Ecco, adesso sì, sono appagato. Pochi lanci ancora, per far sbollire l’adrenalina, e poi si torna a casa.

Questa cattura è la più significativa della stagione, per come è maturata e per come è avvenuta!

 

Ora posso cappottare felicemente per i prossimi mesi…

 

Non ci sono stagioni, non ci sono orari, non ci sono regole…l’altro lato stupendo della pesca!

 


Luca


#2 Fario-CH

Fario-CH

    Utente registrato

  • Gold Member
  • 8626 Post:
  • LocalitÓNyon-Svizzera
  • Tecnica: spinning
  • Provenienza: Piemonte
  • Anno di nascita:1966

Postato 17 May 2017 - 10:41 AM

che bel racconto Luca , come al solito scrivi in maniera egregia e mi fai immedesimare di essere li e di essere io stesso a lanciare, complimenti  :)

la tenacia ha avuto ragione, ed anche la voglia di provare un'esca nuova per te , nuovi stimoli e pesca di nuovo con la massima concentrazione , quello che serve in effetti  :)

la cattura é bellissima, e comunque anche in foto rende l'idea dei colori, te la sei proprio meritata , :chapeau:

PS1- ovviamente complimenti anche per quelle di Ledro

PS2- la regola del guadino nel baule funziona anche con te...............


Questo post Ŕ stato modificato da Fario-CH: 17 May 2017 - 10:42 AM


#3 Grezzo

Grezzo

    Utente registrato

  • Gold Member
  • 2124 Post:
  • Tecnica: floating spinner !
  • Provenienza: Trento

Postato 17 May 2017 - 13:02 PM

Orca L' Uca !

 

Devo dire che il Trentino porta bene se è stata una piattaforma di lancio così, veramente adesso vorresti prendere altri pesci?

Gran bel racconto (ma quella non è una novità) e gran bella costante quella del guadino in auto : a quanto pare non funziona solo con me!

Complimenti vivissimi, anche per le ancorette imbruttite :megagrin:

 

PS guarda che quando sono andato alla fine con il pilota di Graziella alla fine ero in Grezzo Mode : due ore e a casa, fossi venuto a Ledro ti avrei fatto ciao con la manina dal finestrino della macchina :(

Inoltre ti aspetto davvero qua, offro sia marmo che lucci (ovvero tutto quello che puntualmente lascio in acqua senza il minimo disturbo), devo ancora farmi perdonare gli spot spoottanati :respekt:


Questo post Ŕ stato modificato da Grezzo: 17 May 2017 - 13:04 PM


#4 lacustre69

lacustre69

    Il Sole L'acqua la terra..:Ŕ VITA!

  • Moderatori
  • 5532 Post:
  • LocalitÓnonantola
  • Tecnica: spinning
  • Provenienza: modena

Postato 17 May 2017 - 13:45 PM

Ci fai penare i tuoi report Luca 🙃
Racconto da numero Uno 👍e le fantomatiche..:sembra che Ledro ti porta bene, e sai pescare...
MA mi sento di darti un consiglio...
Fai attenzione ad invitare Lorenzo..anche se è diventato mezzo trentino 😆 a volte porta" iazza" 😂
Ciaooo

#5 Grezzo

Grezzo

    Utente registrato

  • Gold Member
  • 2124 Post:
  • Tecnica: floating spinner !
  • Provenienza: Trento

Postato 17 May 2017 - 14:00 PM


Fai attenzione ad invitare Lorenzo..anche se è diventato mezzo trentino a volte porta" iazza"
 

 

OT Oh Rudy, 'sta fisima ce l'hai appena tu, insieme tra l'altro non abbiamo mai pescato : vuoi vedere che riesco a catalizzare la sfaiga solo su di te? Sai che gigiata in caso? Inizio stagione ti do una vigorosa stretta di mano e inizio a pigliar pesci alla facciazza tua :ultragrin:



#6 grande orso

grande orso

    Tommy

  • Moderatori
  • 3839 Post:
  • LocalitÓvaresotto
  • Tecnica: spinning e mosca
  • Provenienza: castello cabiaglio (va)
  • Anno di nascita:1994

Postato 17 May 2017 - 15:45 PM

Mamma mia luca i tuoi report son sempre una garanzia :respekt:
Hai persevarato, hai sperimentato e le fantomatiche sono arrivate a ripagarti della fatica fatta :up:
Mitico :gott:

#7 walter

walter

    volatile da cortile

  • Utenti registrati
  • PipPipPipPipPip
  • 25626 Post:
  • LocalitÓeste, bassa padovana
  • Tecnica: portachiav-fishing
  • Provenienza: este, bassa padovana
  • Anno di nascita:1984

Postato 17 May 2017 - 16:13 PM

bei pess e bel racconto :) bello anche il discorso sullo spiaggiamento vs guadinamento, cosa a cui pescando con i minnow spesso non si pensa.


" alt=" alt=


keep fightin' | if you can't follow me maybe you're not crazy enough... | devastazione, delirio, inutilita' e allegro sbarellamento :crazy:

[url="""]netiquette[/url]

 

лохі мы змаглі трапіць у ваш паршывы вэб -сайт з дапамогай дабрадушны вэб - качка

#8 federix

federix

    Moderatore forum

  • Moderatori I
  • 15230 Post:
  • LocalitÓNovara
  • Tecnica: Spinning - Ledgering
  • Provenienza: Novara

Postato 17 May 2017 - 17:54 PM

:respekt:

 

In certe frasi del tuo racconto mi sono molto ritrovato anch'io per un periodo pescatorio ;) Quello del pescare più per dovere che per piacere...e anch'io ho mollato e cambiato approccio, cercato molto meno il pesce grosso senza nessun rimpianto di non essere sul fiume (e lo capivo quando dalle foto di pesce presi da altri non mi interessava se non per il piacere che l'abba preso qualche tuo amico).

Per ora mi sto godendo le pescate alternative, pronto a tornare alla carica quando me la sentirò e come me la sentirò...esattamente (e qui torno al tuo report) come hai fatto tu ;)

 

Grande Luca pescatore di gran razza!! :2thumbs:  :2thumbs:

E scrittore non da meno...:applaus:


46139logo_firma_pescanetwor.jpg             Join us on Facebook!


#9 lacustre69

lacustre69

    Il Sole L'acqua la terra..:Ŕ VITA!

  • Moderatori
  • 5532 Post:
  • LocalitÓnonantola
  • Tecnica: spinning
  • Provenienza: modena

Postato 17 May 2017 - 18:05 PM

 
OT Oh Rudy, 'sta fisima ce l'hai appena tu, insieme tra l'altro non abbiamo mai pescato : vuoi vedere che riesco a catalizzare la sfaiga solo su di te? Sai che gigiata in caso? Inizio stagione ti do una vigorosa stretta di mano e inizio a pigliar pesci alla facciazza tua :ultragrin:


Ti rispondo il primo d'aprile 2018....😆😆😆😆😆😂😂😂😂

#10 The Legend

The Legend

    Utente registrato

  • Gold Member
  • 20372 Post:
  • LocalitÓOSTIANO CREMONA
  • Tecnica: al colpo
  • Provenienza: Ostiano

Postato 17 May 2017 - 18:11 PM

bel report complimenti


saluti

The Legend

#11 Texus

Texus

    Slender Mongoose

  • Utenti registrati
  • PipPipPipPipPip
  • 1555 Post:
  • LocalitÓSondrio
  • Tecnica: Tocco
  • Provenienza: Valtellina (Sondrio)

Postato 17 May 2017 - 18:36 PM

Ustia Luca che racconto...!! :cooler: E che belle catture... :)

Report di razza ...di un pescatore di razza... :respekt:  come dice giustamente Fede... :)

Chapeau ragazzo,c'è poco da aggiungere...:)


Questo post Ŕ stato modificato da Texus: 17 May 2017 - 18:37 PM

"Sfidare la natura è una delle cose più insensate al mondo...se fallirai,lei avrà vinto e ti porterà via con sè...
 se trionferai,sarà soltanto perchè ti ha voluto risparmiare...In ogni caso,al suo cospetto,sarai sempre un perdente..."

#12 lacustre69

lacustre69

    Il Sole L'acqua la terra..:Ŕ VITA!

  • Moderatori
  • 5532 Post:
  • LocalitÓnonantola
  • Tecnica: spinning
  • Provenienza: modena

Postato 17 May 2017 - 21:03 PM

:respekt:
 
In certe frasi del tuo racconto mi sono molto ritrovato anch'io per un periodo pescatorio ;) Quello del pescare più per dovere che per piacere...e anch'io ho mollato e cambiato approccio, cercato molto meno il pesce grosso senza nessun rimpianto di non essere sul fiume (e lo capivo quando dalle foto di pesce presi da altri non mi interessava se non per il piacere che l'abba preso qualche tuo amico).
Per ora mi sto godendo le pescate alternative, pronto a tornare alla carica quando me la sentirò e come me la sentirò...esattamente (e qui torno al tuo report) come hai fatto tu ;)
 
Grande Luca pescatore di gran razza!! :2thumbs:  :2thumbs:
E scrittore non da meno...:applaus:


Su questo "tasto" mi sarebbe piaciuto rispondere in un altro report...in quello del" sogno della nostra cattura" che poi l essenza non era questa..🤔 Luca pesca con emozione...e nei suoi racconti ce la fa rivivere intensamente...ironico ..ma anche severo...ma poi traspare l emozione..
Pescare per dovere...? Non vi credo...neppure tu Federico..😏 io passo mesi senza pescare...la nostra passione e unica e il bel racconto di Luca deve andare su faccia di Libro...perché non conta la grandezza...ma l emozione che ti dona 👍

#13 Zio Jack

Zio Jack

    Mat TheStanatrout

  • Gold Member
  • 2479 Post:
  • Tecnica: Spinning
  • Provenienza: Torino

Postato 18 May 2017 - 09:31 AM

Luca riesci sempre a far emergere la vena poetica della pesca alla fantomatica ! Sacrifici, riflessioni e tempo speso (in pesca e non) tutto per potersi sentire appagati di ciò che si è investito...quando alla fine è la ricerca stessa la vera soddisfazione e le catture solo delle pietre miliari fra un viaggio e l'altro !  :cooler:


Boia deh  :furz:

#14 Luca M.

Luca M.

    Provarci sempre!

  • Gold Member
  • 2785 Post:
  • LocalitÓBrianza
  • Tecnica: Spinning
  • Provenienza: Bovisio Masciago (MB)

Postato 19 May 2017 - 07:07 AM

Grazie bagaj!  :-)

 

PS2- la regola del guadino nel baule funziona anche con te...............

 

 e gran bella costante quella del guadino in auto : a quanto pare non funziona solo con me!

 

Già...è la seconda volta che mi capita...oramai inizio a credere che davvero porti sfig@!  :D  Però mai lasciarlo a casa...si romperebbe l'incantesimo! Va portato e lasciato rigorosamente in macchina!  :lachtot:

 

bei pess e bel racconto :) bello anche il discorso sullo spiaggiamento vs guadinamento, cosa a cui pescando con i minnow spesso non si pensa.

 

E' un discorso da valutare seriamente, già provato per esperienza personale purtroppo! Con gli ondulanti il problema è pressochè nullo (anche se una piccola percentuale di rischio c'è)...con una delle due ancorette libere, se questa si pianta in qualche modo nella gomma del guadino, la trota rimane "vincolata", e quando si dimena si rovina irrimediabilmente l'apparato boccale!  :fear:

 

Su questo "tasto" mi sarebbe piaciuto rispondere in un altro report...in quello del" sogno della nostra cattura" che poi l essenza non era questa.. Luca pesca con emozione...e nei suoi racconti ce la fa rivivere intensamente...ironico ..ma anche severo...ma poi traspare l emozione..
Pescare per dovere...? Non vi credo...neppure tu Federico.. io passo mesi senza pescare...la nostra passione e unica e il bel racconto di Luca deve andare su faccia di Libro...perché non conta la grandezza...ma l emozione che ti dona

 

Grazie Rudy! Sul "dovere" il discorso è un pò articolato...difficile magari anche da spiegare per iscritto!  :-)

Quando non si hanno riscontri di nessun tipo, sento la necessità di non mollare un'uscita neanche a piangere  :D ...perchè dico fra me e me: "e se fosse la volta buona?"

Ecco...è un dovere verso me stesso! ...poi però alla lunga la strada scelta non da risultati...e quindi...

Il seguito lo conosci già!  :thumbs:

 

Luca riesci sempre a far emergere la vena poetica della pesca alla fantomatica ! Sacrifici, riflessioni e tempo speso (in pesca e non) tutto per potersi sentire appagati di ciò che si è investito...quando alla fine è la ricerca stessa la vera soddisfazione e le catture solo delle pietre miliari fra un viaggio e l'altro !  :cooler:

 

Come recita il famoso spot del rosso aperitivo!  :D


Luca


#15 linuz

linuz

    Admin

  • Amministratori
  • 14354 Post:
  • LocalitÓLago Maggiore - Stresa
  • Tecnica: spinning
  • Provenienza: Torino
  • Anno di nascita:1978

Postato 19 May 2017 - 09:55 AM

Gran bel racconto... qui c'è molto di più di "lanciare" e "recuperare", in attesa di sentire lo SBAM (come direbbe quel kk di rudy) :D

Riesci a trasmettere, oltre alle emozioni e le sensazioni che provi in pesca, anche i pensieri e i ragionamenti che fai durante la pescata...leggendo sembra di sentire il rumore degli ingranaggi del cervello che si mettono a girare (rumore che Doppiorhum non ha mai sentito in vita sua) :lachtot:

Mi dai l'idea di essere uno che mentre sta facendo qualcosa, sta già pensando a cosa fare un attimo dopo... senza lasciare nulla al caso e all'improvvisazione.

:up:


"They say you forget your troubles on a trout stream, but that's not quite it. What happens is that you begin to see where your troubles fit into the grand scheme of things, and suddenly they're just not such a big deal anymore."
John Gierach



0 utenti stanno leggendo questo topic

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi